La nuova Italia travolge la Moldova: ora testa alla Nations League

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:58
0

Un rotondo 6-0 manda in archivio il primo impegno dell’Italia in queste due settimane. In gol anche il debuttante Caputo, in una gara che non ha avuto storia. Ora le gare ufficiali contro Polonia e Olanda.

italia-moldova
Gli azzurri esultano per uno dei sei gol segnati a Firenze – meteoweek.com

Sei gol per riprendere la marcia, diverse settimane dopo l’ultima uscita in campo. L’Italia travolge la Moldova come da pronostico, nell’amichevole disputata ieri sera a Firenze, in un “Franchi” desolatamente vuoto. Le norme anti-covid hanno obbligato la nostra Nazionale a giocare senza la consueta spinta del pubblico, che sarebbe arrivato in massa sugli spalti del “Franchi”. Ma alla fine gli azzurri, in formazione largamente rimaneggiata con quasi tutti i big lasciati a riposo, hanno sfoderato una grande prova contro un avversario comunque modesto.

È stata soprattutto la grande notte di Ciccio Caputo, alla prima presenza con la maglia dell’Italia. Il centravanti pugliese, autore di 37 reti in due stagioni in serie A tra Empoli e Sassuolo, è partito titolare contro i moldavi. Ai suoi lati, nel 4-3-3 impostato dal commissario tecnico Mancini, c’erano il suo compagno di squadra Berardi e il “cinese” El Shaarawy. E non poteva mancare il suo gol, a confermare i crismi di bomber di razza, che nella massima serie si stanno rivelando con tutta la propria forza. Di Caputo è uno dei cinque gol in un primo tempo entusiasmante.

In ogni caso, è riuscito a farsi notare anche il portiere Sirigu, che per una volta ha dato riposo a Donnarumma. Il numero 1 del Torino ha dovuto fare un paio di belle parate nella prima frazione, prima che l’Italia dilagasse. A completare il tabellino dei sei gol dell’Italia ci hanno pensato Cristante, Berardi, un autogol dei moldavi e proprio Stephan El Shaarawy. Il talento ligure, che nelle ultime ore di mercato sognava un ritorno alla Roma ma è rimasto in Cina, ha messo a segno una doppietta. E ora si candida a un ruolo da protagonista in Nazionale.

Anche Domenico Berardi è stato grande protagonista – meteoweek.com

Leggi anche -> Zanardi, perizie: a 50 km orari ha perso il controllo della handbike

Leggi anche -> Under 21 sorpresa dal Covid: due calciatori sono positivi!

Anche perchè, dopo la scorpacciata di reti arrivata ieri sera a Firenze, ora la Nazionale deve fare sul serio. Sono in programma due impegni non di poco conto, per confermare il buon momento di forma degli azzurri. Ma anche per proseguire la propria marcia in Nations League. In primis l’impegno contro la Polonia dello spauracchio Lewandowski, ma priva del “positivo” Zielinski. E poi il return match contro l’Olanda, spazzata via all’andata ad Amsterdam in una delle più belle gare giocare dalla nostra Nazionale da quando è iniziata l’era di Roberto Mancini.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

In ogni caso, la partita di questo strano mercoledì di inizio ottobre offre una buona lezione. Roberto Mancini sta lavorando per accrescere il parco giocatori a sua disposizione, anche in vista degli Europei del 2021. L’obiettivo del commissario tecnico è quello di far crescere, anche sul piano delle ambizioni, quanti più elementi possibili, in modo da avere tra poco meno di un anno una rosa forte. C’è tanta qualità in questa Italia e la dimostrazione può arrivare anche dalle gare “facili”. Proprio quelle gare in cui, in altri tempi, avremmo sofferto tantissimo.