NBA: Beal da record, ma non basta | Volano Boston e Milwaukee

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:45
0

Sessanta punti di Bradley Beal non evitano la sconfitta a Washington contro Philadelphia. Vittorie convincenti per Celtics e Bucks, cadono Houston e Golden State.

beal meteoweek
Bradley Beal – meteoweek.com (Photo by Sarah Stier/Getty Images)

La notte appena trascorsa in NBA è stata ancora una volta da record. In primis quello di Bradley Beal, che non è riuscito a trascinare i suoi Washington Wizards alla vittoria contro i Philadelphia 76ers nonostate i suoi 60 punti. Ma potremmo tranquillamente parlare di record a proposito dei Boston Celtics, che per la terza volta in stagione portano a casa una vittoria all’ultimo tiro. Questa volta, la vittima è rappresentata dai Miami Heat che vengono sconfitto alla Triple A. Ed è stata anche la notte dei Phoenix Suns, che con ben ventuno triple riescono ad avere la meglio sui Toronto Raptors.

Sugli altri parquet gli Indiana Pacers riescono a sorprendere gli Houston Rockets grazie a una gran serata di Malcolm Brogdon e Domantas Sabonis. Reagiscono gli Orlando Magic che dopo un paio di brutte sconfitte superano di slancio i Cleveland Cavaliers. Male gli Atlanta Hawks, che con Danilo Gallinari ancora ai box perdono in casa contro gli Charlotte Hornets. Vittorie anche per New York Knicks, Oklahoma City Thunder (contro i New Orleans Pelicans che fanno a meno di Nicolò Melli), Los Angeles Clippers e Sacramento Kings.

Beal, record inutile

Partiamo proprio dalla supersfida a Est tra i Philadelphia 76ers e i Washington Wizards. Una partita particolarmente interessante proprio perchè metteva di fronte due tra le annunciate protagoniste nella Eastern Conference. Riescono ad avere la meglio i padroni di casa grazie a una grande prestazione dei suoi tenori. 38 punti e 8 rimbalzi per Joel Embiid, 28 con sei triple per Seth Curry (sempre più protagonista) e la ormai consueta doppia doppia da 17 punti e 12 assist per Ben Simmons. Ma a prendersi la scena è Bradley Beal: la guardia dei Wizards chiude con 60 punti (20/35 dal campo) ma non riesce a portare i suoi alla vittoria.

Leggi anche -> Ligue 1, 18esima giornata | Vola il Lione ma perde il Lille, pari Psg

E nella notte del record di Beal c’è anche chi sta provando a specializzarsi in un altro primato, ovvero quello delle vittorie allo scadere. Stiamo parlando dei Boston Celtics, che dopo aver mandato al tappeto prima Milwaukee e poi Detroit con due buzzer beater di Jayson Tatum, fanno lo stesso contro i Miami Heat. Questa volta è Payton Pritchard a mettere il layup a 2 decimi di secondo dalla fine. Nel complesso è stata la partita che ci si aspettava: dura, maschia e combattuta. Hanno ragione i Celtics grazie anche ai 27 punti di Tatum e i 21 di Jaylen Brown. Dall’altra parte non bastano i 26 di Jimmy Butler.

L’urlo di Giannis

Letteralmente dominanti sono stati i Milwaukee Bucks, ai quali sono bastati due quarti per avere ragione dei Detroit Pistons. Le due squadre sono tornate negli spogliatoi del Fiserv Forum a metà gara sull’82-56 in favore dei padroni di casa, grazie a una prestazione clamorosa di Giannis Antetokounmpo e compagni. Il greco chiuderà con 25 punti e 8 rimbalzi, ma dimostra anche di voler ampliare il suo ventaglio di scelte, come si evince dalle cinque triple tentate. Bene anche il solito Khris Middleton che chiude con 23 punti (cinque triple all’attivo). Per i Pistons bene solo Jerami Grant che chiude a quota 31 punti e 10 rimbalzi.

Leggi anche -> Tennis | ATP Cup 2021 | L’elenco ufficiale dei partecipanti

Passando a Ovest, una delle sfide più attese della notte era quella tra Los Angeles Clippers e Golden State Warriors. Hanno avuto ragione gli ospiti, i quali hanno lavorato bene sui due lati del campo. Soprattutto in difesa, dove c’era da contenere lo spauracchio Steph Curry. E una volta tanto, il fenomeno dei Warriors ha sparato a salve: 13 punti con 5/17 dal campo e una sola tripla a bersaglio. Ecco allora che si esaltano i talenti di casa Clippers, con Kawhi Leonard e Paul George che chiudono con 21 punti a testa (anche 12 rimbalzi nella partita dell’ex Pacers.

Le altre partite della notte

Indiana Pacers-Houston Rockets 114-107
Orlando Magic-Cleveland Cavaliers 105-94
Atlanta Hawks-Charlotte Hornets 94-102
New York Knicks-Utah Jazz 112-100
New Orleans Pelicans-Oklahoma City Thunder 110-111
Phoenix Suns-Toronto Raptors 123-115
Sacramento Kings-Chicago Bulls 128-124