I Beckham nella bufera | Violano il lockdown per festeggiare un Capodanno di lusso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:53
0

Violano le rigide normi anti-Covid per fuggire negli Stati Uniti e festeggiare un Capodanno sfarzoso. E’ l’accusa rivolta dai media inglese a David Beckham e alla moglie Victoria. bufera in Gran Bretagna.

David e Victoria Beckham

David e Victoria Beckham nella bufera. Secondo quanto raccontato dal “Daily Mail”, la coppia più famosa del jet set britannico avrebbe aggirato le normative imposte dal premier Boris Johnson insieme ai loro figli per trascorrere gli ultimi giorni dell’anno negli Stati Uniti.

La “fuga” dei Beckham

I Beckham sarebbero partiti alla volta di Miami in gran segreto, accompagnati dai quattro figli Brooklyn (21 anni), Romeo (18), Cruz (15) e Harper (9). Per non dare nell’occhio, il Golden Boy e l’ex Spice Girls avrebbero scelto un aereo privato e sarebbero saliti a bordo di un aereo privato per volare dall’altra parte dell’oceano il giorno di Natale.

Sempre secondo il “Daily Mail”, la famiglia Beckham avrebbe trascorso l’inizio del nuovo anno nella sfarzosa villa di famiglia della fidanzata del figlio maggiore, Nicola Peltz, figlia di uomo d’affari statunitense (Brooklyn e la futura sposa si sposeranno il prossimo anno).

Una dimora lussuosa dal valore di 30 milioni di euro dove le due famiglie avrebbero festeggiato l’inizio del nuovo anno aggirando le severissime regole del lockdown vigenti in Inghilterra.

Viaggio di lavoro?

Mentre in Gran Bretagna l’opinione pubblica non nasconde il suo disappunto, fonti vicine ai Beckham rispondono che la coppia non ha fatto nulla di male in quanto David si troverebbe in viaggio per lavoro, per seguire gli interessi dell’Inter Miami, la squadra di cui è co-proprietario.

Poco fa, un amico di famiglia ha dichiarato al Sun: “David e Victoria avevano programmato questo viaggio da mesi. Lui doveva essere a Miami a gennaio, prima dell’inizio del campionato MLS, e sta aiutando a trovare nuovi giocatori”.

LEGGI ANCHE -> Victoria Beckham sta male: “Mercurio nel sangue”