Supercoppa alla Juve, 760 gol per CR7. Mercato: Scamacca e non solo…

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:52
0

Il miglior metodo per rialzarsi: il gol. Cristiano Ronaldo non riesce a non timbrare nelle finali, dove è semplicemente spietato. La Supercoppa torna a gasare l’ambiente. E per la Juve resta vivo il mercato: non solo Scamacca

Cristiano Ronaldo con la Supercoppa (Photo by MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)
Cristiano Ronaldo con la Supercoppa (Photo by MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

Dici “finale”, pensi a Ronaldo. Se gioca, segna. E se segna, alza la Coppa. Lo dicono i numeri: il gol con cui Cristiano Ronaldo ha incanalato e di fatto deciso la Supercoppa contro il Napoli (la nona sinfonia nella storia della Juventus) è il 16° segnato in carriera dal fuoriclasse portoghese nelle partite con in palio un trofeo. Quattro ne ha giocate in bianconero: nelle due in cui ha segnato, al Mapei Stadium ieri sera e nella Supercoppa 2018 col Milan, la Juventus ha alzato la coppa. Quando è andato in bianco lui (Supercoppa e Coppa Italia 2019) anche la Signora è rimasta all’asciutto. Un caso?

I numeri dicono poi che Ronaldo ha segnato ben 9 gol nelle ultime 10 finali giocate. Il 760esimo gol del portoghese coincide anche con il 31esimo trofeo vinto da CR7. Statistiche mostruose, incredibili. Forse, irripetibili. Le migliori di sempre. Dopo le prestazioni sottotono con Milan e Inter Ronaldo si rialza facendo ciò che gli viene meglio: segnare. Con cinismo, freddezza, cattiveria. A fine partita il fuoriclasse della Juve ha ribadito: “Inter e Milan stanno bene, ma per lo scudetto ci siamo anche noi”. 

Leggi anche >   Supercoppa Juve-Napoli 2-0: tabellino, cronaca, highlights e pagelle

Juve, Supercoppa e mercato:  quotazioni in rialzo per Llorente

Ronaldo ci crede ancora. E anche la Juve, risollevata nel morale e nelle certezze dalla vittoria in Supercoppa, il primo trofeo per mister Pirlo. E ora il mercato può regalare ancora qualche colpo. In attacco, per esempio, dove la Juve ieri sera si è presentata contro il Napoli con due soli uomini di reparto (Morata e Ronaldo) riadattando vicino a CR7 Kulusevski, che punta di fatto non è.

Le novità delle ultime ore di mercato: l’accelerata per Gianluca Scamacca, 22enne romano del Sassuolo (attualmente al Genoa), ad oggi non è arrivata. L’operazione è sempre fattibile, ma si continua a ragionare sulla formula. In effetti per liberare Scamacca il Sassuolo chiede parecchi soldi per l’obbligo di riscatto e la dirigenza bianconera vuole valutare se sia il caso di affondare il colpo o virare su altri obiettivi. Spazio dunque anche ad altre alternative di lusso. Secondo il Corriere dello Sportil preferito di Pirlo resta Olivier Giroud. Tra le alternative ancora in piedi (assicurano fonti Raisport) ci sarebbe poi, con quotazioni in rialzo, anche Fernando Llorente. Lo spagnolo sarebbe prontissimo a lasciare il Napoli per tornare a Torino. Ha le caratteristiche tecniche e fisiche ricercate dalla Juve e in più conosce benissimo Pirlo e tutto l’ambiente bianconero.