Juve in finale di Coppa Italia, Pirlo: “Inter mai al tiro, partita perfetta”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:32
0

Juve in finale di Coppa Italia per la 20esima volta: Pirlo può alzare un altro trofeo dopo la Supercoppa, sul match contro l’Inter (0-0 e grande compattezza) c’è la sua firma

La gioia di Pirlo, Juve in finale (Photo by Chris Ricco/Getty Images)
La gioia di Pirlo, Juve in finale (Photo by Chris Ricco/Getty Images)

 

Buffon quasi mai impegnato, Lukaku e Lautaro mai al tiro: capolavoro di compattezza tattica firmato Andrea Pirlo. La Juve si gode lo 0-0 contro l’Inter nella semifinale di ritorno, figlio di ottime scelte tattiche dell’allenatore. Pesa, quindi, l’1-2 per i bianconeri avvenuto a San Siro all’andata: questo significa pass ottenuto per la 20esima finale nella storia della Juve in Coppa Italia, dove ha già vinto 13 trofei. Demiral ancora tra i migliori in campo, Cuadrado “alzato” sui binari esterni, McKennie rinforzo in corsa del centrocampo nel momento in cui servivano più energie, Chiellini ad irrobustire la difesa a cinque nel finale, Chiesa addirittura “risparmiato” ed inserito solo nel finale. Tutte scelte azzeccate, considerate anche le assenze di Arthur e Morata. L’unica delusione? Bernardeschi, sostituito al 61′.

Leggi anche >   Juve-Inter 0-0: tabellino, cronaca, highlights e pagelle

Juve-Inter 0-0, Pirlo: “Magari vincessi quanto Allegri…”

Pirlo vince la sfida tattica contro Conte e i due si abbracciano a fine match. Per la Juve finale il 19 maggio a San Siro contro una tra Atalanta o Napoli. Così Pirlo ai microfoni Rai: “Era nei piani da debuttante alzare la Supercoppa, arrivare in finale di Coppa Italia e giocarmi gli ottavi di Champions. Il bilancio è certamente positivo. Prima da calciatore pensavi a giocare e far bene, e finiva lì. Da allenatore devi pensare per 30 teste diverse. Non abbiamo fatto nulla, abbiamo tanti obiettivi da centrare e pensiamo già alla sfida di sabato. La difesa? Chi ha giocato ha sempre fatto bene. Chiellini, Demiral dopo l’infortunio si sta riprendendo bene, De Ligt è in forma dopo il Covid e sono soddisfatto di tutti. Se devo vincere quanto Allegri potete anche definirmi senza problemi allegriano…Oggi non abbiamo mai fatto tirare in porta l’Inter e le migliori parate sono di Handanovic. Sono molto felice dopo una gara praticamente perfetta. I centrocampisti di questa sera avevano caratteristiche molto aggressive, ho preferito Rabiot e Bentancur. In base agli avversari ho la fortuna di poter scegliere. Il 4-4-2 modulo migliore per la Juve? Oggi abbiamo giocato con un centrocampista che si abbassava e due terzini larghi, altre volte siamo quattro dietro e basta. E’ vero, partiamo con un 4-4-2 ma ogni volta cambiamo il modo di interpretarlo“. Termina Pirlo: “Giocare a tre punte? Dall’inizio dell’anno non ho mai avuto Morata, Cristiano Ronaldo e Dybala a disposizione. Quando avrò la fortuna di averli tutti valuterò le varie soluzioni”.