Ascoli-Salernitana, primo tempo 0-2: Tutino indemoniato, Sabiri è solo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:49

Il primo tempo della partita di Serie B Ascoli-Salernitana non lascia un attimo di tregua: la partita si gioca ad alti ritmi. I granata sono sontuosi, Tutino è indemoniato, Capezzi e Gondo sono ovunque. I bianconeri cercano di pressare ma subiscono il passivo su palla inattiva e su gravi errori del reparto arretrato.

Salernitana, da sinistra: Leonardo Capezzi, Gennaro Tutino e Mamadou Coulibaly (foto Instagram @gennarotutino)
Salernitana, da sinistra: Leonardo Capezzi, Gennaro Tutino e Mamadou Coulibaly (foto Instagram @gennarotutino)

Il primo tempo della partita fra Ascoli e Salernitana nello Stadio Del Duca segna forse la migliore partita di questo campionato di Serie B. Castori ha avuto ragione: ha insistito sulla fiducia e i suoi ragazzi lo hanno ripagato con una prestazione strabiliante. L’Ascoli, invece, viene duramente punito per gli errori difensivi.

A soli due minuti dall’inizio della gara è D’Orazio a commettere un errore difensivo che potrebbe rivelarsi fatale. Sulla rimessa laterale, Gondo fa da sponda e un fenomenale Capezzi imposta l’assist. È Tutino a realizzare subito la rete dello 0-1 su palla inattiva.

La gara prosegue a buoni ritmi, con l’Ascoli che cerca subito di pressare ed essere aggressivo. La Salernitana riesce però a rendersi pericolosa in più occasioni, dimostrando di aver lavorato parecchio in allenamento sui tagli, sui blocchi e l’impostazione dalle rimesse.

Al 6′ è ancora Capezzi a scendere in velocità in area. Casasola si libera in area grazie al colpo di tacco di Tutino e poi imposta il sinistro da dentro l’area. Pochi minuti dopo, su rimessa di Jaroszynski, Coulibaly mette un cioccolatino sui piedi di Gondo. Parte il tiro di forza e centrale, ma Leali abbassa di nuovo la saracinesca.


Leggi anche:

L’Ascoli continua a commettere errori grossolani in difesa, mentre la Salernitana gode di una forma splendida. Dopo i primi dieci minuti la prima vera iniziativa bianconera: è il regista Sabiri a provare la conclusione con il destro da dentro l’area. Il debuttante Adamonis para il primo tiro della partita.

A metà del primo tempo la Salernitana si divora un’ottima occasione per raddoppiare: gli avversari incredibilmente lasciano ampi spazi nella loro area ai granata, con Di Tacchio che scodella dal limite dell’area per l’intervento aereo di Tutino, fermato dai pugni di Leali.

Al 24′ arriva la settima occasione gol della Salernitana. Tutino parte in contropiede ed entra in area, vince un contrasto con Quaranta e mette la sfera al centro per Gondo. La palla gli è poi torna sui piedi e viene insaccata sul palo opposto, realizzando la doppietta dello 0-2.

La seconda metà del primo tempo non regala grandi occasioni: la Salernitana continua nella pressione, mentre i marchigiani faticano a prendere campo, ma finalmente si affacciano in avanti. È sempre Sabiri a muoversi fra le linee e cercare il servizio per D’Orazio, ma l’azione viene spenta da Casasola.