Nuovo attacco alla statua di Ibrahimovic. Lo scultore: “Portatela a Milano!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:51

Il monumento dedicato al nuovo attaccante del Milan è stato abbattuto dai vandali. L’autore dell’opera dedicata a Ibrahimovic lancia la provocazione.

Ancora un attacco è stato rivolto nei confronti di Zlatan Ibrahimovic. Il centravanti svedese, reduce dal ritorno al Milan dopo l’avventura negli Stati Uniti, si è visto vandalizzare nuovamente la statua a lui dedicata. Il monumento si trova a Malmoe, città natale del campione scandinavo appena tornato in Italia. Ma ai suoi concittadini non è andata giù la recente acquisizione, da parte di Ibra, di una percentuale societaria del club rivale dell’Hammarby.

E così, dopo altri tentativi di vandalismo, la statua dedicata a Ibrahimovic è stata abbattuta nel pomeriggio odierno. Il corpo del neo-milanista è stato totalmente divelto dal piedistallo, che porta proprio il nome del giocatore. E a copertura della testa del campione, i vandali hanno messo una maglia del Malmoe. Ma come detto, non si tratta della prima volta in cui la statua è stata oggetto di attacchi da parte degli ultras della formazione in cui, tra l’altro, era iniziata la carriera calcistica di Zlatan Ibrahimovic.

La statua dedicata a Ibrahimovic, nel giorno della sua inaugurazione – meteoweek.com

Leggi anche -> Incidente stradale in Trentino-Alto Adige. Nero l’ultimo trimestre del 2019

Leggi anche -> Carla Bossi trovata morta in un agriturismo vicino Milano. E’ stata uccisa

La reazione più furente alla notizia dell’abbattimento della statua non è arrivata da Ibrahimovic. Bensì è stato l’autore dell’opera, Peter Linde, a rendere nota la propria frustrazione per il deturpamento del monumento dedicato al bomber svedese. Lo stesso artista ha anche lanciato una provocazione, proprio in riferimento al recente trasferimento al Milan del suo ispiratore: “Dovevano presidiare la zona, si sono limitati a guardare senza fare nulla, come al solito. Mettetela a Milano, è un bel posto. Li sarebbero felice per lui, non come gli idioti che ci sono qui“.