Maradona preso in giro per la visiera anti-Covid, si sfoga su Instagram

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:51
0

Diego Armando Maradona si sfoga su Instagram dopo essere stato criticato e preso in giro per aver indossato il dispositivo di prevenzione in plexiglass durante la partita amichevole del suo Gimnasia contro il San Lorenzo.

Maradona preso in giro per la visiera anti-Covid, si sfoga su Instagram

Diego Armando Maradona ha pubblicato un post su Instagram dopo essere stato preso in giro via social per aver indossato la visiera anti-Covid durante una partita amichevole del suo Gimnasia contro il San Lorenzo. “Oggi sono uscito di casa con questa maschera, che mi è stata consigliata dal dottore”: ha scritto l’ex Pibe de Oro, parlando di mancanza di rispetto. Ma la sua foto con il casco in plexiglass ha inevitabilmente fatto il giro del web in poco tempo, suscitando le reazioni più disparate.

L’amichevole andata in scena allo stadio Nuevo Gasometro, privo di pubblico,  tra Gimnasia La Plata e San Lorenzo è passata decisamente in secondo piano quando Maradona si è presentato in panchina  con una maschera protettiva “integrale”. Anche il figlio più piccolo,  Diego Fernando, era in panchina, accanto al padre, con il volto schermato dalla protezione anti-Covid.


Leggi anche -> Violenza domestica in Italia: troppe carenze secondo la Corte di Strasburgo

Leggi anche -> Trump e l’avversione per la mascherina: dopo la positività, invita ad indossarla


Lo sfogo di Maradona su Instagram

L’allenatore del Gimnasia, dopo aver visto la reazione social suscitata dalla sua visiera, ha deciso di affidare al proprio profilo Instagram un post di sfogo. “L’ho fatto per obbligo e per rispetto di tutti coloro che sono morti a causa del Covid”: ha scritto Maradona. L’ex numero 10 si è arrabbiato anche con quei giornalisti che come ha scritto: “Ti criticano sia quando non ti prendi cura di te stesso che quando lo fai”.  Maradona non ha preso bene i commenti derisori nei suoi confronti sottolineando anche che: “Quelli che ridono di persone come me sono gli stessi che poi si scandalizzano di fronte al bilancio delle vittime”.