Juventus-Torino 2-1 | cronaca partita | tabellini | pagelle

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:47

Un derby dai mille controsensi: 75 minuti di ottimo Toro, in vantaggio con Nkolou, e Juventus in confusione. La ribaltano McKennie e Bonucci, ma è Cuadrado il migliore in campo. Ecco cronaca, tabellini e pagelle

Ronaldo e Belotti

Cielo grigio, una spruzzata di neve sulla città, clima freddissimo. Torino ha atteso così il “Derby della Mole” numero 201.  Juventus-Torino è terminata 2-1 ed ha regalato grosse emozioni: per la settima volta consecutiva i bianconeri hanno segnato dopo l’80’. Di seguito cronaca, precedenti, curiosità, tabellini e pagelle.

TABELLINO

JUVENTUS – (4-4-2): Szczesny 7; Cuadrado 7.5, De Ligt 5.5, Bonucci 7, Danilo 5 (71′ Alex Sandro 6); Kulusevski 5 (56′ Ramsey 6), Bentancur 5, Rabiot 5.5 (71′ McKennie 7), Chiesa 6.5; Dybala 5, Ronaldo 5.

TORINO – (3-5-2): Sirigu 6.5; Lyanco 6.5, Nkoulou 7, Rodriguez 6.5; Singo 6, Meité 6.5, Rincon 6, Linetty 6, Ansaldi 6; Zaza 5.5 (73′ Lukic 5.5), Belotti 6.

Marcatore: 9′ Nkolou, 78′ McKennie, 89′ Bonucci

Arbitro: Orsato di Schio 5.5

Ammoniti: 51′ Kulusevski, 70′ Lyanco, 72′ De Ligt, 75′ Lukic, 92′ Cuadrado

Juventus-Torino 2-1: cronaca della partita

Tutto pronto all’Allianz Stadium per Juventus-Torino. Ricordiamo le novità rispetto alle probabili formazioni: nella Juve Chiesa e Rabiot titolari con Arthur e Bernardeschi in panchina, nel Torino parte dal 1′ Nkoulou mentre Rodriguez viene preferito ad Izzo.

ORE 18 – Partiti. Primo pallone toccato dalla Juventus, che ha battuto il calcio d’inizio. Fa “rumore” il silenzio dell’Allianz Stadium.

Partenza con il turbo per la Juventus, che pressa molto alto il Toro e raggiunge il fondo con Chiesa guadagnando un calcio d’angolo. I granata, però, fanno subito malissimo: al 9′ primo tour in area avversaria con una serpentina di Singo e sugli sviluppi di un corner di Ansaldi c’è un rimpallo fortunato sul polpaccio di Bentancur, il quale finisce sui piedi di Nkolou. Bonucci è tagliato fuori, il destro è vincente. 0-1 Toro.

Clamorosa occasione per il raddoppio del Toro al 14′: Zaza tutto solo alle spalle della difesa bianconera corre verso Szczesny, che gli chiude lo specchio in uscita smorzando il destro dell’attaccante. Dopo un cross di Chiesa che non raggiunge Ronaldo (15′) il Torino è ancora pericoloso in campo aperto con Linetty, anticipato da De Ligt sul più bello.

Nella fase centrale Juve in grossa difficoltà, lenta e prevedibile. Il Toro, invece, si conferma granitico in difesa, dove Ronaldo e Dybala vengono di fatto annullati (Singo, Nkolou e Rodriguez tra i migliori). Al 32′ altro graffio granata con Lyanco e tiro vicino al palo da 30 metri. Non fa male per la Juve neanche un piazzato di Dybala, deviato in corner al 34′. Un minuto dopo sospetto tocco di braccio in area del Toro di Ansaldi, ma il Var dice “niente rigore”.

Zero tiri in porta fino al 42′ per i bianconeri: una clamorosa notizia. E’ Sirigu a tre minuti dall’intervallo a bloccare comodamente una conclusione centrale di Dybala. Nel finale di tempo il Toro spreca in contropiede un’altra grande occasione sull’asse Rincon-Zaza-Belotti e al 45′ lo stesso Belotti, in sforbiciata al volo terminata alta di poco sopra la traversa, conferma quanto emerso in 45 minuti: Juve in totale confusione. Probabilmente il peggior primo tempo della stagione bianconera.

ORE 19.04 – Inizia il secondo tempo di Juventus-Torino. Nessun cambio per Pirlo e Giampaolo.

Nei primi dieci minuti il copione non cambia. Ottima occasione al 51′ per il Torino, a seguito di un fallo di Kulusevski su Linetty al limite dell’area della Juve: la barriera respinge. Al 55′ Lyanco esulta per un gran recupero su Cristiano Ronaldo nell’area piccola. Un minuto dopo dentro Ramsey e fuori Kulusevski e gol annullato alla Juve: sul tiro di Cuadrado Bonucci (chiaramente sulla traiettoria del pallone) è in fuorigioco e ostacola un difensore del Toro. Orsato si avvale del Var e annulla l’1-1.

Fino al 75′ ancora pochissima Juve. Ronaldo e Dybala in ombra, il gioco non decolla neanche dopo il pareggio annullato da Orsato. Nella Juve fuori Danilo e Rabiot, dentro Alex Sandro e McKennie. Nel Toro Lukic subentra invece a Zaza (e si fa subito ammonire). Al 76′ prima vera azione in verticale della Juve: Dybala per Chiesa, tiro potente e guantoni di Sirigu in corner. Dal calcio d’angolo battuto velocemente cross di Cuadrado ad uscire e tap-in di testa del neo-entrato McKennie, al primo gol in serie A. 1-1. Prima distrazione fatale per il Toro.

All’89‘, dopo una palla-gol gigantesca sul sinistro di Dybala (pazzesco intervento difensivo di Lyanco), la beffa per il Torino: 2-1 Juve con Bonucci, servito ancora da un perfetto cross di Cuadrado, migliore in campo, confezionato sulla trequarti.

Sette minuti di recupero. Il punteggio di Juventus-Torino non cambia più: un ottimo Toro “matato” da una Juve in versione diesel. Due gol identici puniscono, probabilmente oltremodo, la squadra di Giampaolo, ancora una volta rimontata in campionato. Primo derby vinto da mister Pirlo, versione allenatore, e Juve temporaneamente a -3 dal Milan, al 2° posto in classifica. Il Torino resta al terzultimo posto.

Nuova classifica

Milan 23
Juventus 20*
Inter 18
Sassuolo 18
Napoli 17
Roma 17
Lazio 17*
Hellas Verona 15
Atalanta 14
Bologna 12
Sampdoria 11
Cagliari 11
Udinese 10
Spezia 10*
Benevento 10
Parma 9
Fiorentina 8
Torino 6*
Genoa 5
Crotone 2

* una partita in più
Napoli 1 punto di penalizzazione

Juventus-Torino: quanto pesa questo derby

La Juventus soffre di pareggite (ben 5 segni “x” nelle prime 9 gare) e si ritrova oggi a -6 dal Milan capolista. La Vecchia Signora lo sa, non c’è più tempo da perdere. Con Morata ai box, poiché squalificato a Benevento, Pirlo consegna una maglia da titolare a Dybala, vicino all’imprescindibile Cristiano Ronaldo. A ridosso ecco Kulusevski, libero di spaziare sulla trequarti. Buffon, Chiellini e Demiral sono infortunati e le alternative sono pressoché scontate: Cuadrado e Danilo affiancano Bonucci e De Ligt. Chiavi del centrocampo affidate a Rabiot (e non ad Arthur), fiducia rinnovata a Chiesa con Bernardeschi a sorpresa in panchina.

In casa Toro (terzultimo posto, suonano gli allarmi) mister Giampaolo torna a sedersi in panchina dopo essere risultato negativo al Coronavirus. Verdi raggiunge Baselli, Millico, Murru e Ujkani nella lista degli indisponibili. Zaza accompagna in attacco Belotti, che cerca il gol numero 100 in maglia granata proprio contro la Juve. Rodriguez vince il ballottaggio con Izzo nell’undici titolare, davanti a Sirigu ci sono Nkoulou e Lyanco. Confermato il baby Singo dal 1′, con Meité, Rincon e Linetty in mediana.

Juventus-Torino: precedenti e curiosità

Curiosità: occhio al cronometro, perché negli ultimi sei derby la Juventus ha sempre segnato un gol dopo l’80’. Cristiano Ronaldo può aggiungere un record alla sua sfilza di successi personali: per la nona volta in carriera può arrivare a 30 reti in un singolo anno solare. In questo momento è a quota 29 nel 2020.

Sono 75 i precedenti in casa dei bianconeri in campionato: 39 vittorie per la Juve, 16 per il Toro e 20 pareggi. La Juve è senza dubbio la bestia nera del Torino in quanto è la squadra contro cui i granata hanno perso più volte (72). Lo stesso Toro non vince un derby dal 2015 (1-2 con gol di Pirlo, attuale allenatore juventino, Darmian e Quagliarella) e in trasferta addirittura dal 1995 (doppietta di Rizzitelli).

In chiave Fantacalcio fari puntati su Dybala, che non vuole sprecare altre occasioni, e su Zaza, ultimamente in grande spolvero. I jolly per i fanta-allenatori potrebbero essere Bernardeschi (a partita in corso) ed il titolare Singo. La scommessa? Un altro gol per Chiesa…

Leggi tutte le news di sport e calcio su MeteoWeek.com.