Pescara-Vicenza, Breda: “loro ostici, noi abbiamo studiato le contromosse”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:47
0

Dare seguito al successo con l’Ascoli e migliorare una classifica difficile da digerire. E’ questa la doppia missione del Pescara, terzultimo in Serie B, che domani alle 16 sfida il Vicenza. Alla vigilia ha parlato il tecnico degli abruzzesi Roberto Breda dando alcune importanti notizie di formazione.

Roberto Breda, allenatore del Pescara (Foto da profilo Twitter ufficiale Pescara)

“Balzano, Busellato e Nzita sono fuori per infortunio, ho ancora un dubbio tra Antei e Guth in difesa mentre a sinistra giocherà Crecco”. Roberto Breda non si nasconde a ventiquattro ore quasi esatta dalla sfida Pescara-Vicenza. Il suo Pescara è in crescita, lo dice la vittoria contro l’Ascoli per 2-0 dello scorso turno, ma non è ancora uscito da una crisi che lo ha portato a perdere sette partite sulle dieci giocate in campionato. Un ruolino di marcia da retrocessione.

LEGGI ANCHE: Serie B, gli arbitri dell’11a giornata: Lecce-Frosinone a Ghersini

LEGGI ANCHE: Cresce il fascino della Serie B: investitori interessati allo sviluppo

Pescara-Vicenza le parole di Breda in conferenza stampa

Domani alle 16 quindi gli abruzzesi ospitano il Vicenza, quindicesimo con 9 punti e reduce da tre pareggi in fila. I veneti non sono da sottovalutare e il perché lo spiega Roberto Breda: “sono molto organizzati, forti fisicamente e sanno ribaltare l’azione grazie agli esterni che hanno un gran cambio di passo”. I pericolo ci sono ma il Pescara ha studiato il modo per affrontarli: “abbiamo studiato le contromosse – spiega il tecnico – a noi piace giocare un calcio molto aggressivo, per questo dobbiamo migliorare la gamba e le letture”.

Non sarà uno scontro salvezza, troppo presto per etichettarlo così ma “sicuramente è una partita molto importante – ammette Breda – noi dobbiamo essere bravi a non crearci facili illusioni, ma abbiamo ampi margini di miglioramento. Per prima cosa dobbiamo uscire da questa situazione.”. L’allenatore è un ex di turno anche se la sua esperienza nei biancorossi non è stata molto fortunata con la retrocessione in Lega Pro “ma mi ha insegnato tanto, ho solo rimpianti e nessun rancore comunque sono passati tanti anni, ora sono qui a Pescara per dare tutto me stesso”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here