Parma – Cagliari, la conferenza stampa di Di Francesco: “Vogliamo vincere”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:09
0

Alla squadra di Liverani serve continuità e ripartire dal Tardini può essere una svolta. Ma il Cagliari di Eusebio Di Francesco è un avversario ostico, che ha intenzione di giocarsela fino alla fine.

Di Francesco punta sull’attacco. Il suo obiettivo è quello di giocarsela contro il Parma e ha dato delucidazioni ai giornalisti durante la conferenza stampa.

L’emergenza Covid 19 per ora ha messo fuorigioco molti giocatori e il Cagliari ha dovuto fare a meno di buona parte della rosa: “Penso che Ounas abbia fatto uno dei tamponi ieri, come noi altri del resto. Abbiamo fatto una scelta precisa con Godin, parlando anche con lui, rispettando la logica di portare i giocatori solo se stanno bene. Nahitan si deve ancora ripulire da questa malattia, così come Simeone che deve avere la dovuta attenzione: quando poi li metti in campo devi essere sicuro di rischiare il minimo possibile. Però voglio sottolineare che noi siamo una squadra, negli errori e nelle cose fatte bene: bisogna andare oltre le individualità e avere più voglia di difendere, in questo periodo abbiamo perso troppi punti. Ci sono delle caratteristiche che devono venire fuori, come essere più cattivi e determinati. Voglio fare passare questo messaggio”.

Sulla formazione tipo che giocherà domani, mister Di Francesco ha detto: “Sinceramente sto facendo delle valutazioni, e qualche cambio probabilmente lo farò: forse uno per reparto, ma non sarà massiccia. Saranno delle valutazioni anche per chi è tornato dal Covid. Abbiamo anche un allenamento di rifinitura domani a Parma e quindi ho tempo ancora per valutare”.

Circa l’avversario di domani, l’allenatore del Cagliari sa perfettamente che gli emiliani vengono dall’ottima sfida a San Siro contro il Milan: “Loro hanno fatto una buona gara difensiva, attenta e magari con meno opportunità. Il Milan ha avuto diverse occasioni, prendendo dei pali: per me il Parma è una squadra importante, con buona qualità davanti come Gervinho e centrocampisti bravi a inserirsi come Kucka, Kurtic ed Hernani. Sono una squadra solida, ma sarà un’avversario diverso da affrontare rispetto all’Inter, ma sarà comunque difficile”.

Ha voluto spendere anche qualche parola su Nandez: “Il coronavirus è difficile da capire, capisci certe cose solo se metti in campo i giocatori: Nandez ha più allenamenti e sarà preso in considerazione, mentre Godin non verrà convocato perché ha bisogno di più allenamenti. Sono cose che capisci solo quando metti i giocatori in campo: contro l’Inter Nahitan ha corso, ma era meno lucido rispetto ad altre occasioni”.

In attacco è ancora tutto da vedere: “Pavoletti ha fatto una buona gara, ha corso tanto e poteva segnare. Cerri sta benissimo, ha avuto un’occasione e non ha fatto gol, ma sono soddisfatto. Domani anche Simeone potrebbe giocare, anzi, ho la sensazione che possano giocare tutti e tre insieme perché Simeone può adattarsi”.

Per la difesa la situazione si sbloccherà solo domani: “Mi dispiace che non possiate vedere gli allenamenti, perché giustamente non potere capire al meglio lo stato di tanti giocatori. Certi giocatori, come Luca Ceppitelli sono convocati, ma non potete sapere quanti minuti abbia nelle gambe. Il mio pensiero, però, va alla terza partita con l’Udinese dove fisicamente ci sarà bisogno di maggiore forza rispetto alla seconda partita consecutiva”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here