“You’ll Never Walk Alone” | AIC e Lega Pro insieme per aiutare i giocatori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:52
0

“You’ll Never walk alone”, titolo del mitico inno del Liverpool, è il nuovo progetto ideato da Lega Pro e Associazione Italiana Calciatori per seguire la crescita dei giocatori non solo in campo.

You’ll Never walk alone
You’ll Never walk alone, il progetto di AIC e Lega Pro

Seguire i calciatori, aiutarli a sviluppare il proprio talento ma soprattutto supportarli nel proprio percorso umano. Lega Pro e AIC si schierano insieme per stare vicino ai propri ragazzi, quelli che la domenica scendono in campo per vivere il proprio sogno, ma che rischiano a volte di perdere la strada. E gli strumenti sono già stati individuati.

LEGGI ANCHE: Lega Pro | Ghirelli e Borghini si contendono la presidenza: i programmi

Cosa è il nuovo progetto “You’ll Never Walk Alone”

Lega Pro e AIC metteranno a disposizione dei calciatori di Serie C e dei formatori dei settori giovanili conoscenze e servizi utili per orientare la carriera e la vita dell’atleta. L’obiettivo è quello di mantenere il giusto equilibrio in campo e fuori con l’aiuto anche di psicologici e psicoterapeuti che si confronteranno con i calciatori. Una sorta di “sportello” dove il singolo calciatore avrà modo di approfondire il proprio percorso e le proprie competenze a livello personale, con il supporto di professionisti qualificati.

Il Presidente AIC Umberto Calcagno spiega così il progetto: “abbiamo creato un percorso che arricchirà il bagaglio culturale dell’atleta, per una migliore gestione degli aspetti psicologici legati alla nostra professione. Un lavoro che abbraccerà anche i settori giovanili delle società di Lega Pro, con l’obbiettivo di ‘formare i formatori’ della più grande agenzia educativa del nostro sistema

Soddisfatto anche il Presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli: “E’la prima volta che andiamo verso questa direzione, AIC e Lega Pro seguono la formazione, anche psicologica del ragazzo che diventa uomo, non la performance sportiva. Noi siamo la lega della formazione dei giovani calciatori, non potevamo che muoverci così”.