Leclerc: “Contentissimo di essere tornato in pista, starò vicino a Sainz”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:25

Il pilota monegasco avverte sensazioni positivi dopo i primi giri a Fiorano. Leclerc commenta anche la scelta di sfruttare la monoposto del 2018: “Aiuta perchè le procedure del 2021 sono simili”.

leclerc
Charles Leclerc – meteoweek.com (photo by Getty Images)

Primi giorni di test a Fiorano anche per Charles Leclerc. Il pilota monegasco è giunto alla sua terza stagione alla guida della Ferrari, dopo un debutto particolarmente convincente e una seconda annata molto tribolata per i problemi della Rossa. In ogni caso, Leclerc si è presentato regolarmente al circuito di Fiorano per effettuare i primi giri del 2021. Nel suo caso, come sarà poi anche per Carlos Sainz, la scuderia di Maranello gli ha messo a disposizione la vettura del 2018. Ma si tratta comunque di test interessanti per capire le funzionalità della vettura del prossimo campionato.

Leclerc ha rilasciato alcune dichiarazioni per i social ufficiali della Ferrari. Ovviamente c’è grande gioia per il ritorno al volante, anche se è ancora presto per parlare. In ogni caso Charles ha parlato delle sue sensazioni in questo mese e mezzo di ‘astinenza’: “È stato bello tornare in pista. Anche se 44 giorni possono sembrare pochi, alla fine sono tanti, soprattutto quando non fai la cosa che ami di più. Sono contentissimo di essere tornato in pista. Mi sono trovato subito a mio agio. Quest’anno abbiamo deciso di fare un test in gennaio e questo ci ha aiutato ad accorciare la solita pausa invernale”.

Leggi anche -> Carlos Sainz, primo giorno in Ferrari: “Una grande emozione”

Charles Leclerc ha parlato anche della scelta di girare con la SF71H. Una monoposto vecchia di quasi tre anni, ma che torna utile per capire come sviluppare la Ferrari che sarà protagonista nel prossimo Mondiale. “Aiuta girare prima della stagione – ha dichiarato il monegasco – anche se con una macchina 2018, perché le procedure sono molto simili a quelle di quest’anno e il lavoro con ingegneri e meccanici per trovare il massimo della performance c’è sempre. Anche se non c’è competizione e sono da solo in pista, c’è la voglia di fare sempre meglio. È bello fare una giornata così prima della stagione”.

Leggi anche -> Binotto spinge Leclerc: “È un leader e può ancora crescere”

In conclusione, il numero 16 sulla griglia di partenza ha parlato di Carlos Sainz. Sarà lo spagnolo al fianco di Leclerc per le prossime due stagioni. E sa bene quanta sarà l’emozione del monegasco: “Ricordo la prima volta che sono salito su una Ferrari: non ero un pilota ufficiale, ma era molto emozionante perché era la prima Formula 1 che guidavo. Sicuramente è un giorno speciale per Carlos, non lo dimenticherà mai. Se è arrivato fino a qui credo non abbia bisogno di consigli. Io sarò qui a guardarlo e gli faccio un grosso in bocca al lupo”.