Toro, solo 1-1 con la Fiorentina. Nicola: “C’è da migliorare, percorso lungo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:14

Neanche in 11 uomini contro 9 il Toro trova la prima vittoria interna della stagione: 1-1 con la Fiorentina, a fine match parla Davide Nicola

Davide Nicola (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
Davide Nicola (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

 

Il bicchiere è certamente mezzo vuoto. Il Toro doveva vincere per pescare punti-salvezza e alla fine è 1-1 con la Fiorentina nonostante la doppia superiorità numerica per le espulsioni di Castrovilli (dopo la quale i viola sono persino passati in vantaggio con Ribery) e Milenkovic. Alla fine il “Gallo” Belotti ha trovato il pareggio all’87’, illudendo i granata prima dei 7 minuti di recupero. Ma nulla di fatto. Altra occasione persa dal Toro, che sullo 0-0 ha reclamato (giustamente) un calcio di rigore per un fallo di Dragowski su Lukic e che poi si è fatto infilare dalla Viola con un uomo in più.

Leggi anche >  Toro-Fiorentina 1-1, gol di Ribery e Belotti. Tabellino, highlights e pagelle

Davide Nicola ai microfoni Sky al termine di Toro-Fiorentina: “Nel finale non siamo riusciti a mantenere il ritmo. Il gioco era troppo spezzettato. Dobbiamo essere lucidi, stiamo lavorando per trovare la nostra consapevolezza. Stasera non possiamo essere soddisfatti, lo sappiamo. Il percorso è lungo. Quando devi salvarti fai errori di frenesia, ma abbiamo reagito di nuovo, questo conta. In cosa migliorare? Nei tempi, nella capacità di gestire le emozioni e nella certezza di poter fare di più viste le nostre qualità. La Fiorentina ha costruito tre occasioni da gol. Lavora con Prandelli da più tempo, ha quella continuità che noi vogliamo costruire. Potevamo interpretare meglio l’attacco alla difesa a tre ed essere più coraggiosi per andare a prendere i nostri avversari”.

Continua Nicola: Zaza e Belotti stasera si sono messi al servizio della squadra. Zaza si è anche creato delle occasioni, i due hanno dialogato molto, c’è stata anche una traversa. Si può e si deve migliorare ovviamente. Toro come famiglia? Io guido i miei ragazzi secondo i valori che ritengo giusti. Ci diamo delle piccole regole che questo gruppo deve avere per inseguire l’obiettivo. Ripeto, un punto quando devi salvarti può essere anche utile, va sempre visto in un altro modo, come un piccolo passo. Continueremo a fare di più cercando la vittoria. Sanabria? Parleremo a fine mercato. La rosa è da completare con i giusti innesti. Attraverso il lavoro e l’alchimia proveremo a centrare il nostro obiettivo“.