Sassuolo, De Zerbi: “Siamo in crescita. Valuto di restare a lungo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:34
0

Il tecnico bresciano presenta la sfida contro il grande ex Di Francesco. Il Sassuolo sta tornando al suo livello abituale sul piano fisico. E poi c’è uno spiraglio per il futuro di De Zerbi.

de zerbi sassuolo
Roberto De Zerbi – meteoweek.com (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Il Sassuolo si prepara ad affrontare il Cagliari, una delle squadre più in crisi di questa porzione del campionato. Con un risultato negativo dopo l’altro, la formazione sarda è scesa in zona retrocessione nonostante un organico di tutto rispetto. Nonostante questo è stato rinnovato il contratto a Eusebio Di Francesc0, uno dei grandi ex della sfida di domani pomeriggio alla Sardegna Arena. Il suo dirimpettaio Roberto De Zerbi ha parlato in conferenza stampa e ha ammesso che il suo Sassuolo è in crescita, nonostante la sconfitta di domenica contro la Lazio.

Andiamo a leggere le dichiarazioni rilasciate dal tecnico dei neroverdi, alla vigilia del match in terra sarda.

Il bilancio del Sassuolo – “Se dovessimo fare un bilancio del girone di andata, sommato al girone di ritorno dello scorso anno, abbiamo fatto tanti punti. Poi dipende da quale prospettiva guardi. Se guardi il passato puoi essere contento, se guardi il potenziale della squadra avremmo potuto fare qualcosina in più. Non mi stancherò mai di dirlo: il problema non sono i punti fatti, ma avere la squadra fisicamente al 100%, come l’abbiamo avuta dopo il lockdown”.

Il dato sulle sconfitte – “Aver perso solo contro le squadre che ci precedono è una cosa importante. Probabilmente avremmo potuto fare di più anche nelle partite che abbiamo perso, ma i bilanci dobbiamo farli in condizioni normali di salute. Altrimenti è un bilancio sommario. Credo che con la squadra al completo e in salute avremmo potuto fare di più. Sia nelle gare pareggiate in cui abbiamo calciato poco in porta, sia nelle partite in cui abbiamo perso”.

Squadra in crescita – “Dobbiamo dividere l’aspetto fisico, l’aspetto della salute e l’aspetto del gioco. Sul piano del gioco, soprattutto in trasferta, siamo andati bene. Poi c’è l’aspetto della condizione fisica che sta salendo. Stiamo lavorando di più, ci sono giocatori che stanno migliorando come Djuricic e Caputo. Aspettiamo Berardi, aspettiamo a braccia aperte la piena condizione fisica di Boga, che è un giocatore che ci sposta. In avanti senza di loro qualcosa abbiamo patito”.

Quanto contano gli individui nel contesto squadra – “Così come quando vincevamo parlavamo di giocatori che spostano gli equilibri, allo stesso modo quando non sono in condizione è normale anche subire qualcosa”.

Che Cagliari si aspetta De Zerbi – “Il Cagliari è una squadra forte, guidata da un allenatore bravo, che stimo e che a Sassuolo è conosciuto molto bene. Ha fatto la storia qui. All’andata avremmo meritato di fare qualcosa in più, anche se abbiamo pareggiato alla fine su un calcio piazzato. Nell’arco di un campionato ci sono partite più o meno difficili, e quella di domani è una delle più difficili del campionato, per il modo in cui si trova il Cagliari. Vengono da tante sconfitte, staranno uniti ancor più di primi. Questo spiega la difficoltà della partita”.

Leggi anche -> Cagliari, Di Francesco: “Col Sassuolo gara pesante. Rinnovo? Svelo tutto”

Sfida con Di Francesco e ipotesi rinnovo – “Eusebio lo stimo tanto, ha fatto cinque anni qua. Piacerebbe anche a me pareggiare le sue presenze col Sassuolo, o magari batterle. Stiamo già parlando con la società, c’è un dialogo continuo, quindi vedremo il da farsi”.

I cardini per una buona squadra – “Il calcio è un tutt’uno, non si può porre maggiore importanza a un aspetto piuttosto che a un altro. C’è carattere, c’è personalità, c’è tecnica, c’è qualità, c’è aspetto fisico. Se ne togli una rimani sempre a metà”.

Leggi anche -> Sassuolo, mister De Zerbi: “Dobbiamo stringere i denti”

Che obiettivi può raggiungere il Sassuolo – “L’obiettivo facciamo sempre fatica a determinarlo prima. Io ho sempre parlato in questi termini: dobbiamo giocare partita per partita, non abbiamo la forza per poter individuare un obiettivo. Porne uno inferiore rispetto alla potenzialità della squadra non lo farò mai, mi piace porre sempre qualcosa di più grosso. Poi ci sono le condizioni per arrivarci, ovvero la condizione dei giocatori, gli infortuni, variabili legate al miglioramento dei giocatori. Da questo puoi ambire a traguardi più importanti”.

Gli indisponibili per Cagliari – “Bourabia è fuori per parecchio tempo. Berardi dalla settimana prossima potrebbe essere nuovamente nei convocati. Chiriches è entrato in contatto con un positivo e purtroppo sarà ancora a parte. Da giovedì dovrebbe tornare nel gruppo squadra”.