Arriva Reggina-Salernitana, Baroni: “Menez? Deve dare di più”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:47
0

Reggina-Salernitana sarà il posticipo di lunedì sera della 20esima giornata di serie B, oggi ha parlato in conferenza mister Baroni

Marco Baroni (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)
Marco Baroni (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

La partita di andata tra Salernitana e Reggina (1-1) è la fotografia ad alta risoluzione del campionato fin qui disputato dai calabresi: gol di Menez a cinque minuti dal termine e beffa sul gong, al 90′, con un tiro-cross di Casasola che si infila all’incrocio. Alla prima giornata il segnale che era arrivato alla Reggina diceva già un po’ tutto, soprattutto che sarebbe stato un campionato tutto in salita. Nonostante un match praticamente dominato a Salerno e le indiscutibili qualità.

Ora si riparte. Nuovo capitolo per la Reggina e girone di ritorno che inizia proprio dalla Salernitana (tifoserie gemellate) questa volta attesa al “Granillo”. Alla vigilia del match ha parlato in conferenza stampa mister Marco Baroni: “Domani c’è una partita complicata, ma si gioca sempre per i tre punti. Abbiamo fatto sempre delle buone prestazioni, compresa quella di Frosinone. Poi ci sono sempre delle situazioni anche per colpa nostra che ci penalizzano e ci impediscono di arrivare alla vittoria. Mercato? Non ne voglio parlare molto, sono state fatte delle scelte. Fino ad ora i nuovi mandati in campo hanno fatto bene. Se sento maggiori responsabilità? Gli allenatori vivono di questo, di pressioni, ci devono essere, altrimenti non è il nostro lavoro”.

Baroni su Menez: “Talento che conosciamo, mi aspetto di più”

In casa amaranto potrebbero giocare alcuni dei nuovi acquisti (Montalto in attacco, l’esterno Edera, il centrocampista Crimi, in dubbio invece Petrelli che ha male alla caviglia). Baroni sempre a proposito di Reggina-Salernitana: “Noi ce la possiamo giocare con tutti attraverso un calcio propositivo. La tendenza di subire gol negli ultimi minuti di ogni gara dobbiamo invertirla. Ora, però, abbiamo dei nuovi arrivati. Con queste forze fresche proveremo a tenere sempre alta la nostra pressione ed anche sul piano della gestione molto dovrebbe cambiare. La parola titolare non esiste più con i cinque cambi, anzi mi aspetto molto di più da coloro che entrando devono darci la possibilità di migliorare l’andamento del match. Quello degli infortuni rimane un tasto dolente, se i miei giocatori non sono al cento per cento non giocano. Io non metto a rischio nessuno. Tre dei nuovi saranno della partita, mentre Petrelli si porta dietro una distorsione alla caviglia e non è completamente a posto. Menez? Ho un rapporto buono con lui, ha un talento che conosciamo. Deve fare di più, lo pretendo perché può aiutare. Mi è piaciuto il suo atteggiamento, è rimasto in partita fino alla fine. Lui è una risorsa per la squadra, dipende da come si pone con i compagni e con l’arbitro”.

Leggi anche >   Reggina, arriva dal Torino il colpo offensivo per la salvezza