Fermi tutti parla Hauge: “Hazard il mio modello, Ibra traduce ciò che dico”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:23
0

Quando parla, non è mai banale. Pur essendo giovanissimo, il baby talento classe 1999 del Milan Jens Petter Hauge ha rotto il ghiaccio e ha tirato le somme del suo primo periodo al Milan.

Le parole di Hauge

Stavo parlando con i miei agenti per fare un piccolo piano. Volevo passare al turno successivo dei Preliminari di Europa League con il Bodo Glimt vincendo la partita contro il Milan. Il Bodo in quella fase aveva 18 o 19 punti di vantaggio in campionato sulla seconda in classifica ed ero fiducioso che anche se fossi andato via io, avrebbero vinto lo scudetto. Quindi, quello era il momento giusto per me per lasciare il mio club. Milan? È andato tutto veloce. Mia madre pensava che fosse un grande passo per me trasferirmi a Milano e in Italia, una nuova lingua da conoscere e cose del genere. Abbiamo quasi 50.000 persone che vivono qui a Bodo. È un po’ piccolo, soprattutto ora che vivo in una grande città, quindi, ovviamente, è un grande cambiamento“.

Hauge poi, ha continuato a parlare dei giocatori che lo hanno ispirato quando era piccolo: “Quando ero giovane ho iniziato a guardare i giocatori che erano bravi con entrambi i piedi. Sembrava una buona qualità da avere. Per tutta la mia vita ho usato sia il destro che il sinistro per tirare e passare la palla, quindi ora mi viene naturale usare entrambi i piedi. Drogba, Lampard, Mata, quando sono cresciuto un po’ di più, ho iniziato a guardare Eden Hazard. È lui il mio preferito”.

In merito alla scelta del Milan, il norvegese ha spiegato: “Sono davvero contento della mia scelta, mi sto divertendo ogni giorno. Una nuova opportunità per me di imparare cose nuove sulla squadra, sulla lingua e sulla città. Sulla lingua posso dirti che all’inizio conoscevo solo alcune parole chiave del calcio in modo che potevo capire quello che veniva detto in campo. Quando senti i suoni e le parole ogni giorno inizi ad impararli molto velocemente. A volte Ibrahimovic traduce per me”.

Hauge ha anche parlato di aver segnato il suo primo gol in Serie A contro il Napoli allo Stadio Diego Armando Maradona, nella notte in cui il Bodo Glimt hanno vinto il campionato per la prima volta nella loro storia di 104 anni: “È stata una serata fantastica. Ricordo di aver visto che le cose andavano bene per il Bodo prima della nostra partita, quindi ero abbastanza sicuro che avrebbero vinto il campionato. Concludere con un gol e ottenere i tre punti in uno stadio davvero difficile è stata una bella sensazione”.

Leggi anche——–> Milan, al lavoro col Manchester United per il riscatto di Dalot