Mondiali di Cortina: Kriechmayr vince il SuperG, rammarico Paris

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:58
0

Il primo oro al maschile dei Mondiali di Cortina va a uno dei favoriti della prova. Secondo il sorprendente Baumann, medaglia di bronzo per Pinturault davanti a Paris. Gli altri azzurri: Buzzi 11°, più dietro Marsaglia e Innerhofer.

kriechmayr mondiali di cortina
La soddisfazione del campione del mondo – meteoweek.com (photo by Getty Images)

Vincent Kriechmayr è il vincitore della prova di SuperG maschile ai Mondiali di Cortina. L’atleta austriaco era uno dei protagonisti più attesi in questo primo appuntamento tra gli uomini alla rassegna iridata, dopo il rinvio divenuto ufficiale nella giornata di ieri. Una prova non perfetta da parte del nuovo campione del mondo, che è stato però capace di limitare i danni nella parte più tecnica e molto scorrevole nel tratto finale. Medaglia d’argento per un Romed Baumann capace di piazzare la gara della vita, mentre a completare il podio ci pensa il francese Alexis Pinturault. Grande beffa per Dominik Paris, scalzato dal podio proprio dal tedesco.

Il forte vento condiziona le prime partenze, con i ritiri di atleti particolarmente attesi come Christian Walder, Loic Meillard e Mauro Caviezel. Il primo a giungere sul traguardo è dunque il canadese James Crawford, anche se l’attenzione di tutti è rivolta su Vincent Kriechmayr. L’austriaco è uno dei grandi favoriti della vigilia e riesce a domare al meglio il tracciato, guadagnando oltre un secondo sull’unico rivale fin lì sceso fino alla fine. Dunque gli avversari, o almeno quelli che sono rimasti, sono avvisati.

Il primo degli italiani è Emanuele Buzzi, ma anche lui si fa tradire dal primo salto lungo e deve dire addio ai suoi sogni. Decisamente meglio, in uno dei tratti decisivi per questo SuperG, si comporta un Marco Odermatt che però commette un errore molto grave più avanti e perde quasi un secondo. Dopodichè tocca al nostro Dominik Paris, il campione del mondo in carica della disciplina. L’azzurro limita i danni nella parte più tecnica e pericolosa, non riesce a essere scorrevole come vorrebbe ma chiude a mezzo secondo di ritardo, con un sogno da podio che viene però spento più avanti.

Dominik Paris prova a domare la pista di Cortina – meteoweek.com (photo by Getty Images)

Leggi anche -> Mondiali di Cortina: Lara Gut-Behrami campionessa di SuperG

Mondiali di Cortina, sorpresa Baumann

Matthias Mayer limita i danni nella parte finale pur restando dietro all’azzurro, mentre fa meglio di entrambi un Alexis Pinturault in forma smagliante. Il leader della Coppa del Mondo generale scia alla pari con Kriechmayr, ma resta dietro di un paio di decimi. Si rivela dunque, come da pronostico, uno dei protagonisti annunciati dei Mondiali di Cortina. Il francese è di fatto l’ultimo ostacolo tra il leader della corsa e il suo primo oro iridato. Anche perchè altri potenziali concorrenti, come Kjetil Jansrud, non riescono a tenere il ritmo. Ma arriva il momento dell’outsider, sempre dietro l’angolo in un Mondiale: è Romed Baumann, che chiude ad appena sette centesimi dal leader.

Leggi anche -> Mondiali di sci, annullata combinata femminile di apertura: troppa neve

Capitolo italiani, dopo le discese di Paris e Buzzi. C’era grande attesa per il ritorno alle gare di Mattia Casse dopo un lungo infortunio, ma una linea troppo lunga sulla traversa lo costringe al ritiro. Una linea completamente diversa dalle altre, ma sicuramente poco efficace, costa carissimo a un Christoph Innerhofer dal quale ci si aspettava qualcosa di importante. Infine c’è Matteo Marsaglia, la cui prova è però sulla falsariga di quelle dei suoi connazionali partiti con un pettorale più alto.