Chievo, Aglietti in conferenza stampa: “Sfruttiamo i nostri punti forti”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:24

Alla vigilia della sfida contro il Monza, l’allenatore del Chievo Aglietti ha parlato in conferenza stampa per presentare il match.

Aglietti Chievo
Alfredo Aglietti, allenatore del Chievo (credit: Getty Images)

Sfida ad alta quota quella di domani pomeriggio tra Chievo e Monza: le due squadre sono al secondo e al terzo posto a pari merito con 39 punti in 23 partite. I veneti sono reduci dalla sconfitta in casa del Brescia per 1-0 e cercheranno di ottenere 3 punti per staccare i rivali biancorossi, avvicinandosi alla capolista Empoli (distante 5 punti). Per presentare la sfida, l’allenatore dei gialloblu è intervenuto in conferenza stampa, ecco le sue dichiarazioni.

LEGGI ANCHE -> Brescia, Cellino nei guai: indagato per reati fiscali

La conferenza stampa di Aglietti prima di Chievo-Monza

Prima di entrare nei temi centrali della partita, quanto è orgoglioso di affrontare dopo 23 partite una squadra costruita per vincere a pari punti? “È chiaro che la partita di domani sia una testimonianza di come abbia lavorato la squadra in questi mesi, di quanto sia cresciuta. I ragazzi, step by step, hanno raggiunto un rendimento importante, interrotto dalla sconfitta di Brescia, ma venivamo da una serie positiva. Credo che giocarci questa partita a pari punti sia un merito sul campo e non perché qualcuno ci abbia regalato qualcosa. Alla stessa maniera dovremo avere la convinzione di giocare alla pari contro una squadra che a livello di rosa e per come è stata costruita è probabilmente la più forte del campionato. Nella partita secca però noi possiamo batterli”.

Come arriva la squadra alla gara di domani? “Bene, perché comunque siamo più o meno gli stessi, purtroppo abbiamo perso Renzetti perché ho visto che non stava benissimo la scorsa settimana. Ha avuto un problemino, c’è stato bisogno di lui a Brescia e purtroppo ora ha una contrattura che non gli permette di essere presente domani. Per il resto il gruppo è tutto a disposizione. Credo che la partita si presenti da sola, si prepari da sola e c’è grande voglia di giocarla da parte di tutti, anche per vedere che tipo di prestazione faremo. Io sono convinto che faremo un’ottima prestazione, comunque è anche uno stimolo giocare contro una squadra come il Monza”.

Come vuole che giochi la squadra? La gara d’andata può dare degli spunti? “La gara d’andata no anche perché comunque loro hanno cambiato abbastanza e poi erano rimasti in 10 dopo 35/40 minuti e noi ne abbiamo approfittato. Per domani voglio giocare alla pari, mettendo in difficoltà il Monza con quelle che sono le nostre armi, senza timore reverenziale. Rispetto per tutti gli avversari, questo sì, ma comunque siamo in una situazione che ci vede alla pari, non siamo 20 punti dietro. Dobbiamo temerli, rispettarli assolutamente, ma come noi abbiamo lavorato sui punti deboli del Monza e sulle loro forze, anche noi , alla stessa maniera, abbiamo dei punti forti e dobbiamo battere su questo. La squadra deve andare in campo libera di testa, convinta di poter vincere la partita, anche perché ne abbiamo la possibilità, sono molto convinto di questo. Dobbiamo essere carichi e lo siamo, ma anche consapevoli della nostra forza”.

Dal punto di vista dell’umore, è stata una settimana diversa dalle altre? “Ripeto, è una bella partita da giocare, ma comunque vale 3 punti come le altre. Sotto il punto di vista del gioco forse loro ci concederanno di giocare di più rispetto alle squadre che lottano per non retrocedere, che si chiudono e vengono a chiudersi e ripartire. Il Monza è una squadra che cercherà di vincere la partita, quindi sarà una partita aperta. Conteranno anche le giocate individuali, lo sbagliare poco, ma sotto il punto di vista della preparazione non dobbiamo neanche caricarla troppo. È una partita come le altre, vale 3 punti come le altre, cambiano gli avversari ma la posta in palio è sempre la stessa”.