Roma, Fonseca: “Non vorrei affrontare le mie ex squadre”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:34
0

La Roma, reduce dal successo contro il Genoa, vuole proseguire la serie di risultati positivi anche contro lo Shakhtar Donetsk nel match valevole per l’andata degli ottavi di finale di Europa League. Fonseca parla del suo rapporto coi sorteggi che lo mettono spesso di fronte alle sue ex squadre.

Roma, Fonseca: "Non vorrei affrontare le mie ex squadre"
Fonseca ancora di fronte ad una sua ex squadra, dopo il Braga (by Adkronos)

Quali contenuti tecnici e difficoltà si aspetta dalla partita di domani?  Sono sicuro che sarà una partita difficile. Hanno vinto 2 volte col Real Madrid e pareggiato 2 volte con l’Inter. Hanno giocatori che si esaltano in questo tipo di competizione. Sono forti, difendono molto bene e corti. Attaccano in contropiede e per me sono i piu forti ad attaccare così, in Europa. Dovremo fare una gara di grande attenzione.

Dzeko può essere convocato? Come e quanto è cambiato lo Shakhtar ? Dzeko si è allenato con la squadra e sarà convocato. Lo Shakhtar ha un nuovo allenatore, con proprie idee. Hanno un modulo diverso rispetto a quello adottato da me, per cui le intenzioni dello Shakhtar sono figlie delle idee del nuovo allenatore, nonostante i giocatori siano gli stessi.

Villar giocherà domani? Dovete aspettare domani, ma è una possibilità.

Kumbulla-Macini-Smalling? O così o con Cristante…(sorridendo)

Cosa è cambiato visto che la Roma ultimamente subisce meno gol? Penso che abbiamo migliorato il momento difensivo. Non mi riferisco solo alla linea difensiva, ma tutta la fase. Facciamo meno errori, perdendo molto meno il pallone nella fase difensiva, cosa che consentiva agli avversari di attaccarci molto velocemente.

Differenze fra il suo Shakhtar e questo di Castro? Il modulo, principalmente. Poi, come ho detto, le idee. Stanno facendo molto bene.

L’esperienza passata con lo Shakhtar sarà di aiuto per leggere la partita di domani? No, abbiamo una strategia, certo. Ma non è figlia della conoscenza pregressa, anche perché loro allo stesso modo conoscono me e il mio modo di proporre calcio. Siamo preparati, con una strategia, ma non sulla base di quello che sappiamo reciprocamente di noi.

LEGGI ANCHE -> Il Re è caduto, Cristiano Ronaldo “divo appassito” da 4 in pagella

[una domanda dalla stampa ucraina] Dopo il Braga adesso lo Shakhtar. Ancora una formazione che lei ben conosce…è un po’ un suo record affrontare le sue ex squadre? In Ucraina lo Shakhtar gioca con la presenza del pubblico, la Roma non può: vi siete abituati a giocare senza i tifosi? Non è una scelta mia, di certo (ridendo)…a me non piace affrontare le mie ex squadre, credetemi, ne avrei fatto volentieri a meno. Sulla seconda domanda, io vorrei avere il pubblico allo stadio, certo. Se in Ucraina lo fanno, sono contento per loro, significa che la situazione è meno preoccupante della nostra. Mi piacere molto vivere nuovamente il calore dei tifosi sugli spalti, se accadrà al ritorno.

Ibanez? Si è allenato le ultime 2 sessioni con noi e sarà convocato.

Ecco il video, dal canale ufficiale dell’AS Roma

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here