Nahitan Nandez: denuncia shock

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:27

Caso Nahitan Nandez: dalla denuncia per violenza al mandato di arresto. Shock Cagliari

Nahitan Nandez, centrocampista del Cagliari - credits: Getty Images. Sportmeteoweek
Nahitan Nandez, centrocampista del Cagliari – credits: Getty Images. Sportmeteoweek

La denuncia di Nahitan Nandez: Cagliari sotto shock

Il centrocampista del Cagliari, Nahitan Nandez sarebbe stato denunciato dalla sua ex compagna, Sarah Garcia Mauri per “violenza domestica, psicologica e patrimoniale”. La notizia sarebbe stata diffusa da Telemundo dall’Uruguay. Secondo la nota emittente televisiva, la sig.ra Mauri avrebbe presentato istanza nei confronti di Nandez l’ultimo giorno del 2021.

Mandato di arresto

La Procura del quarto distretto di Maldonado ha così disposto l’arresto del centrocampista. Gli agenti della polizia, recatisi nell’abitazione del Nandez, nella casa di Punta del Este, hanno di fatto trovato solo la madre del calciatore. Questa, riferiva che il figlio non era presente in quanto era tornato in Italia. Il calciatore infatti, era partito con un volo privato dall’Aeroporto di Laguna del Sauce, nel pomeriggio dello scorso 29 dicembre.

Secondo quanto riporta El Pais, i fatti risalirebbero ad eventi verificatesi in Italia e in Argentina e non in Uruguay. Per cui, l’ordine di detenzione scattato sarebbe circoscritto a livello nazionale e non internazionale. I prossimi giorni serviranno a chiarire meglio la situazione così intricata. Al momento, non vi è alcun comunicato ufficiale da parte del Cagliari.

LEGGI ANCHE:>>Calciomercato, ecco le squadre che hanno incassato di più nel 2021

Le parole di Natan

Il centrocampista, che nel frattempo si trova in Italia ma in isolamento a causa della positività al covid, ha diramato un comunicato nel canale televisivo Subrayado. Natan infatti sostiene che: “i fatti riportati sono falsi e sono stati diffusi sui social network. Per questo motivo è stata depositata una denuncia penale, con elementi che dimostrino la falsità dei fatti denunciati. Viste le notizie di stampa, si segnala che la mia partenza dall’Uruguay è avvenuta il 29 dicembre poiché dovevo rientrare nel mio club in Italia entro giorno 31 dicembre. Questo prima che fosse presentata denuncia contro di me. Come padre ho assunto e continuerò ad assumere tutti gli obblighi che mi spettano. Con la tranquillità di aver agito con responsabilità e rispetto, aspetterò la giustizia per accertare la veridicità dei fatti e, in definitiva che mi venga data ragione. Cerco sempre di dare il meglio ai miei figli, che sono la cosa più importante della mia vita, insieme a tutta la mia famiglia. La priorità è sempre stata, è e sarà preservarli”.