Morto Pietro Anastasi, giocava nella Juve: vinse 3 scudetti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:30
0

Muore Pietro Anastasi: aveva giocato in nazionale del 1968 e vinse tre scudetti con la juventus, dove rimase 8 anni; considerato un grande attaccante.

Morto Pietro Anastasi, giocava nella Juve: vinse 3 scudetti – meteoweek

Oggi è un giorno triste per tutta la Juventus, per il calcio italiano e per tutti coloro che lo hanno conosciuto. Pietro Anastasi ci ha lasciato all’età di 71 anni’‘: la juventus ha dato l’annuncio della scomparsa dell’ex attaccante bianconero che a Torino vinse tre scudetti.

Leggi anche –> Diletta Leotta, dove vive la bomba sexy del calcio | Casa di lusso [FOTO]

Pietro Anastasi è considerato uno dei migliori avvocati di quel periodo – meteoweek

Leggi anche –> Lega Calcio Serie A: arrivano le dimissioni del Commissario

Aveva 71 anni Pietro Anastasi quando si è spento definitivamente: la sua salute era minata da una grave malattia già dalla fine del 2018. Esplose nel Varese della seconda meta degli Anni 60, attirando le attenzioni dei migliori club italiani e negli anni 70 veniva considerato un autentico campione nel suo ruolo.

Venne scoperto negli anni 60 e conteso dai migliori club – meteoweek

Nel 1968 la Juventus lo comprò dall’inter e lì rimase per 8 anni, vincendo tre scudetti con la Vecchia Signora. La la società nell’estate nel 1976 lo scambiò con Roberto Boninsegna. Finì all’inter a terminare la sua carriera dove alzò la Coppa Italia nel 1978. Campione europeo con l’Italia nel 1968, in azzurro ha collezionato 25 presenze e 8 reti in Nazionale. Dopo il ritiro, Anastasi divenne allenatore delle giovanili per un breve periodo e poi commentatore televisivo fino alla malattia. Oggi viene pianto dalle sue squadre, dai suoi amici e da tutta la sua famiglia. La perdita di un campione lascia sempre un retrogusto amaro, soprattutto se come Anastasi l’intera carriera viene interamente (o quasi) dedicata agli stessi colori. Una vita a vestire nella Juventus (quasi 10 anni), poco tempo all’inter e poi la vita dell’allenatore. Oggi il saluto definitivo, Ciao Pietro.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here