Morto Paolo Rossi: il mondo del calcio piange il campione del Mondo ’82

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:28

A pochi giorni dalla morte di Diego Armando Maradona, un altro terribile lutto sconvolge il mondo del calcio. Si è spento nella notte Paolo Rossi, eroe del Mondiale ’82. 

Ci ha lasciati all’età di 64 anni una delle bandiere del calcio italiano. Il suo volto ha rappresentato l’Italia per anni, per decenni.

Era per tutti Pablito, un nome spagnolo per uno dei simboli dell’Italia. Paolo Rossi era la punta di diamante della nazionale di Bearzot, di Zoff, dell’urlo di Tardelli. Quella nazionale che riuscì a battere il Brasile di Zico, l’Argentina di Maradona, la Polonia di Boniek e in finale la Germania di Rummenigge, conquistando così la Coppa del Mondo.

Leggi anche——> È morto Diego Armando Maradona: “La fine di un Dio”

I record di Paolo Rossi

Il 1982 non ha segnato solo la vittoria dell’Italia in quegli incredibili Mondiali. Rossi vinse la classifica capocannonieri della competizione e gli fu assegnato il Pallone d’Oro (terzo italiano ad aggiudicarselo).

Con 9 marcature, insieme a Christian Vieri e Roberto Baggio detiene il record di goal in una competizione mondiale e mentre con Paolo Baldieri detiene il primato di aver segnato in cinque partite consecutive con la maglia dell’Italia Under-21.

Opinionista per Sky Sport, Mediaset e Rai, l’ultima apparizione in video era avvenuta lo scorso 7 novembre, quando partecipò a una puntata di Dribbling, in diretta dalla sua abitazione.

A dare il triste annuncio è stato il giornalista sportivo Enrico Varriale, attraverso un tweet: “Una notizia tristissima, ci ha lasciato Paolo Rossi”, scrive il conduttore di Novantesimo Minuto. “Indimenticabile Pablito, che ci ha fatto innamorare tutti in quell’estate del 1982 e che è stato prezioso e competente compagno di lavoro in Rai, negli ultimi anni”.