Sassuolo-Benevento | De Zerbi: “Noi ambiziosi, stiamo crescendo. Niente pressioni”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:41
0

Il Sassuolo ha conquistato la vittoria nell’anticipo dell’11a giornata di Serie A contro il Benevento. Al Mapei Stadium risultato di 1-0 grazie a una rete di Domenico Berardi dal dischetto. Al termine della gara il tecnico neroverde Roberto De Zerbi ha parlato della prestazione dei suoi.

de zerbi
(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Vittoria e momentaneo secondo posto in classifica per il Sassuolo. I neroverdi possono festeggiare a seguito dell’anticipo dell’undicesima giornata del campionato di Serie A. A regalare agli emiliani i tre punti un calcio di rigore realizzato all’8′ da Domenico Berardi. Nei primi minuti della ripresa i padroni di casa sono anche rimasti in dieci a causa dell’espulsione di Lukas Haraslin per un brutto fallo su Gaetano Letizia. Nonostante l’inferiorità numerica hanno però difeso il vantaggio, portando a casa il risultato.

LEGGI ANCHE: Sassuolo-Benevento 1-0 | Cronaca | Tabellino | Classifica | Highlights

Il tecnico Roberto De Zerbi, intervenuto ai microfoni di Sky Sport al termine della gara, si è complimentato con i suoi: “Siamo in sofferenza sul piano fisico e di giocatori disponibili. Ci stiamo aggrappando con le unghie alle alte posizione. Nel calcio ci stanno i momenti in cui non sei brillante, ma devi fare le cose per bene lo stesso. Stiamo crescendo e dall’infermeria stanno uscendo giocatori importanti. Il fatto di esserci mentalmente è determinante“. E sulle prestazioni dei singoli: “Djuricic ha fatto bene, per quelle che sono le sue caratteristiche. Non è al massimo così come Raspadori. Adesso c’è la partita di Firenze, dove dovremo migliorare nel gioco altrimenti la pagheremo. Ne sono consapevoli anche i giocatori“.

I neroverdi possono ancora puntare in alto. L’allenatore, tuttavia, frena gli entusiasmi. “Se dico che siamo una piccola squadra è per fare un po’ di ordine, non per togliere ambizione. Le aspettative cambiano e il punto di Roma viene preso in modo negativo. Siamo ambiziosi, ma non ci dobbiamo dimenticare che siamo partiti tre anni fa con tanti giovani e anche io sono giovane. Sembra che diventi tutto dovuto e non voglio neanche mettere troppa pressione ai ragazzi“. Il rientro degli infortunati può aiutare in questo senso: “Manca Defrel, che due anni fa è stato l’acquisto più importante insieme a Chiriches. Se ci togli lui e Caputo diventa un problema. Oggi a tratti abbiamo fatto bene, perché creare col Benevento non è facile per nessuno. L’assenza di Caputo pesa e quella contemporanea di Defrel è ancora più pesante. Per questo siamo contenti dei risultati e della nostra posizione“, ha concluso De Zerbi.

LEGGI ANCHE: Sassuolo-Benevento | Consigli: “Prestazione non buona, ma si vince anche così”

Infine il ricordo di Paolo Rossi, scomparso prematuramente: “Ero piccolo nell’82, ma già il suo nome dice tutto. La sua morte si somma a quella di Maradona: due perdite pesanti per chi è della mia generazione“.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here