Cagliari | Di Francesco | “Siamo sempre qua a rimpiangere”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:38
0

Un Di Francesco molto amareggiato ai microfoni di DAZN e nelle successive dichiarazioni del post partita. La sua squadra non ha fatto tesoro della veemente reazione a inizio ripresa e si è svegliata troppo tardi, quando non c’era più tempo per raddrizzare la gara. Un amaro ritorno a Roma, per il tecnico dei sardi.

Di Francesco non ha digerito la sconfitta (by Getty Images)

“Non sono di buonumore, siamo a commentare un’altra partita piena di rimpianti. Dovevamo gestire meglio il nostro momento migliore, dove meritavamo qualcosa di più. Invece, nel nostro miglior momento, abbiamo subìto il ritorno della Roma”.

“Abbiamo sofferto, ma anche loro non hanno fatto una passeggiata. Nei primi 25 minuti della ripresa avremmo meritato di pareggiare. Sto rosicando perché nell’ultimo periodo siamo stati sfortunati con il risultato. Serve più cattiveria per fare più gol, con le grandi squadre serve e quando pecchi ti mettono all’angolo. Sono sette partite che perdo facendo anche buone gare, solo il lavoro può farci passare un Natale migliore”.

Cosa dovevate fare in più? “Dovevamo fare gol. Siamo andati a giocare nella metà campo della Roma con coraggio. Con questo sistema potevamo avere una buona aggressività, sapevo di poter fare male alla Roma in determinati movimenti, per questo sono amareggiato, siamo sempre a rimpiangere ciò che poteva essere e non è stato”.

Riproporrà la difesa a 3? “Può essere, ma abbiamo preso comunque tre gol. Alla fine siamo sempre un po’ in sofferenza. Sta a noi difendere meglio. Questo sistema l’ho adottato per dare maggiore fisicità in reparti in cui ne abbiamo meno. Ho avuto risultati importanti, ma non quello che mi aspettavo. Ceppitelli è stato molto bravo, ha retto novanta minuti e lo ha fatto con personalità”.

Il Cagliari manda in archivio l’anno solare con 14 punti in classifica.

Alla ripresa, il 3 gennaio, arriverà il Napoli alla Sardegna Arena.

LEGGI ANCHE -> roma-cagliari-probabili-formazioni-curiosita-e-statistiche