Papa Francesco ricorda Maradona: “Era un poeta, ma anche un uomo fragile”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:05
0

Papa Francesco ha ricordato Diego Armando Maradona, scomparso lo scorso 25 novembre. Il Pontefice ha raccontato del suo incontro col Pibe de Oro e di che tipo di persona fosse. 

L'incontro tra Papa Francesco e Diego Armando Maradona. Getty Images
L’incontro tra Papa Francesco e Diego Armando Maradona. Getty Images

Papa Francesco è da sempre un appassionato di calcio. Un grande tifoso del San Lorenzo e, come tutti gli argentini, un estimatore di Diego Armando Maradona. E, in una lunga intervista a La Gazzetta dello Sport, il Pontefice ha ricordato proprio il Pibe de Oro: “Ho incontrato Diego Armando Maradona in occasione di una partita per la Pace nel 2014: ricordo con piacere tutto quello che Diego ha fatto per la Scholas Occurrentes, la Fondazione che si occupa dei bisognosi in tutto il mondo. In campo è stato un poeta, un grande campione che ha regalato gioia a milioni di persone, in Argentina come a Napoli. Era anche un uomo molto fragile”.

Leggi anche: Napoli | Il Centro Paradiso come Museo di Maradona | La conferma della Regione
Leggi anche: Morte Maradona | C’è l’esito dell’esame tossicologico | Il report

Bergoglio ha poi svelato un avvenimento del suo passato legato a Maradona“Ho un ricordo personale legato al campionato del Mondo del 1986, quello che l’Argentina vinse proprio grazie a Maradona. Mi trovavo a Francoforte, era un momento di difficoltà per me, stavo studiando la lingua e raccogliendo materiale per la mia tesi. Non guardai la finale del Mondiale e seppi soltanto il giorno dopo del successo dell’Argentina sulla Germania, quando una ragazza giapponese scrisse sulla lavagna «Viva l’Argentina» durante una lezione di tedesco. La ricordo, personalmente, come la vittoria della solitudine perché non avevo nessuno con il quale condividere la gioia di quella vittoria sportiva: la solitudine ti fa sentire solo, mentre ciò che rende bella la gioia è poterla condividere. Quando mi è stato detto della morte di Maradona, ho pregato per lui e ho fatto giungere alla famiglia un rosario con qualche parola personale di conforto”.