Juve verso l’Udinese | Il centrocampo segna poco | I dubbi di Pirlo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:42
0

Bianconeri contro bianconeri. Domani alle 20.45 si apre il 2021 per le squadre di Pirlo e Gotti: Juve e Udinese hanno perso l’ultimo match, serve subito un riscatto

Cristiano Ronaldo (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)
Cristiano Ronaldo (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Inizia il 2021 della Juve. Dopo il primo allenamento di ieri (esercitazioni tattiche) oggi è giorno di vigilia per i bianconeri impegnati il 3 gennaio, ore 20.45, contro l’Udinese all’Allianz Stadium. L’appuntamento in campo è previsto al pomeriggio. Pirlo e Gotti vogliono partire subito con il piede giusto: la Juve, che ha l’obbligo di spedire nel dimenticatoio lo 0-3 contro la Fiorentina, è a –10 dal Milan capolista, con una partita in meno (contro il Napoli, dopo la decisione di revocare il 3-0 a tavolino). I friulani, che nelle ultime quattro trasferte hanno vinto due volte e pareggiato in altri due match, occupano la dodicesima posizione con 15 punti conquistati, ma devono recuperare la sfida contro l’Atalanta.

I dubbi di Pirlo per Juve-Udinese? De Ligt, intanto, ci sarà: superato il fastidio muscolare avvenuto contro la Fiorentina. I punti interrogativi riguardano certamente tre giocatori: Chiesa, Kulusevski e Dybala. Il turno di squalifica per Cuadrado dovrebbe portare infatti sulle fasce Alex Sandro e Danilo. De Ligt e Bonucci centrali. Possibile candidatura per Bentancur, McKennie e Ramsey in mezzo. Il dubbio è appunto l’impiego dal primo minuto di Chiesa e/o Kuluservski. Cristiano Ronaldo indiscutibile. Vicino a lui difficile pensare a Morata in panchina, ma Dybala è reduce da appena 6 minuti in campo in tre match con Atalanta (subentrato nel finale), Parma e Fiorentina.

Juve-Udinese con un occhio ai numeri: centrocampo poco prolifico

Con 25 gol segnati i bianconeri sono ultimi tra le prime sette squadre di serie A. Di queste 25 reti ben 17 sono state segnate da attaccanti (12 Ronaldo, 4 Morata, 1 Dybala) e vien da sé ciò che manca come il pane per un campionato da protagonisti e al vertice: servono molti più gol da parte dei centrocampisti. Quattro gol sono stati realizzati da Chiesa (1) e Kulusevski (3), uno da Rabiot e McKennie. Dalla difesa si aggiungono due reti di Bonucci. Ecco perché la Juve lavora su più fronti nell’ottica di migliorare il centrocampo, subito (senza spese folli) o nel mercato estivo: dal sogno Pogba al chiodo fisso Zaniolo, dalla corte a Locatelli alle possibilità Aouar/ De Paul. Ora la priorità è certamente la quarta punta. 

Leggi anche > Mercato Juve | Punta low cost, Pavoletti favorito | Ecco perchè