Benevento | Pippo Inzaghi | “Queste sconfitte fanno crescere”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:20
0

Le dichiarazioni di Pippo Inzaghi dopo la sconfitta per 0-2 contro il Milan. Il Benevento non ha sfruttato la superiorità numerica ed ha sbagliato un rigore. Le parole del mister dopo la partita.

Pippo Inzaghi ( Photo by Sabattini via Gettyimages)

Filippo Inzaghi è intervenuto ai microfoni di Sky dopo la sconfitta subita dal Milan per 0-2. Il tecnico giallorosso, grande ex di giornata, mostra rammarico per il risultato ma difende la prestazione dei suoi. Ecco le dichiarazioni dell’ allenatore sannita.

LEGGI ANCHE ->Milan | Stefano Pioli | “Era importante dare continuità”

LEGGI ANCHE ->Benevento-Milan 0-2 | Tabellino | Vince ancora il Milan

Le dichiarazioni di Pippo Inzaghi

Si parte dall’analisi della gara: “C’è grande soddisfazione nella squadra, se c’è rammarico per aver perso vuol dire che abbiamo fatto cose egregie. Avevamo di fronte il portiere più forte d’Europa, la squadra ha dato tutta sé stessa. Dall’altro dispiace perché dopo partite fatte così bene ti aspetteresti tutt’altro risultato”.

Sui gol presi: “Sappiamo da dove arriviamo, queste sconfitte ci faranno crescere. Non possiamo regalare due così al Milan. Posso dire poco alla squadra, abbiamo fatto una gara straordinaria. Ce la giochiamo con tutti, questo dev’essere grande motivo di orgoglio per noi e i giocatori”.

Sul mercato: “Dobbiamo salvaguardare un gruppo che ci ha portato in A a suon di record, poi se ci sarà qualcosa da fare sul mercato la società non si tirerà indietro”.

Sulla sfida ai rossoneri: “Col Milan non sarà mai una partita come le altre, come contro mio fratello. Quando inizia la partita cerco di dare il massimo, col Milan sarà una partita sempre speciale, poi a fine gara torneremo a tifare l’uno per l’altro”.

Mercoledì c’è  Milan-Juventus, per chi tiferà? : “Per il Milan, mi ha dato tanto. Anche alla Juve ho giocato, ma in rossonero ci sono stato quindici anni, c’è un rapporto particolare”.

Sui rischi della costruzione dal basso: “La costruzione dal basso ci potrà costare qualche gol, ma quando si può giocare si gioca, altrimenti i nostri attaccanti sarebbero soli allo sbaraglio. Se smettiamo di giocare svanisce ogni speranza di salvezza”.