Lazio | Inzaghi dopo il Genoa | “Siamo delusi, ma risaliremo in classifica”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:03

E’un Simone Inzaghi deluso quello che si presenta in conferenza stampa al Ferarris dopo l’1-1 della sua Lazio contro il Genoa.

Lazio Inzaghi
L’allenatore della Lazio Simone Inzaghi oggi a Genova (Credits: Getty Images)

Il tecnico biancoceleste dopo l’ottimo primo tempo, con il vantaggio di Immobile a suggellare il dominio dei suoi, si aspettava qualcosa di più in termini di risultati. La Lazio non vince da due turni di fila in Serie A, e nelle ultime sei ha messo a referto i tre punti solo una volta. Tutto mentre davanti le “big” corrono, ora i capitolini sono noni con 22 punti a sei lunghezze dal quarto posto e a tre dall’Europa League.

LEGGI ANCHE: Genoa-Lazio 1-1 | Cronaca | Tabellino | Voti | Classifica

Lazio, Inzaghi in conferenza stampa dopo il Genoa

L’analisi di Simone Inzaghi parte dall’inizio della gara con un primo tempo dominato dai suoi ragazzi in campo: “avremmo meritato di fare un gol in più -spiega il tecnico in conferenza stampa – dobbiamo ripartire dalla prima frazione, ma andiamo via da Genova delusi perché volevamo i tre punti”. Un pareggio che delude ma che non preoccupa l’allenatore: “nelle ultime tre gare la Lazio ha fatto ottime prestazioni, tra due giorni affrontiamo la Fiorentina che è una squadra pericolosa”.

Uno dei problemi della Lazio è l’infermeria: “oggi sono rientrati Acerbi e Lucas Leiva, ma mancavano Correa, Lulic e Fares che ci avrebbero permesso di allungare la rotazione, ora aspettiamo gli altri”.

L’obiettivo iniziale della Lazio era il quarto posto e Inzaghi non cambia idea in corsa: “siamo solo ad un terzo del campionato, c’è tutto il tempo per recuperare e cercare di tornare a fare tre punti che ci mancano da due gare”.

L’ultima domanda a Simone Inzaghi, è sempre la stessa ormai da mesi, e verte sul rinnovo di contratto. La firma ancora non c’è, ma l’allenatore é molto tranquillo a riguardo: “L’ho già detto in conferenza stampa ieri, non ci sarà nessun problema, il rinnovo arriverà al momento giusto. Ora l’importante è tornare a vincere”.