Casertana | Rubate divise e scarpe a poche ore dal match | Si cercano ladri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:19
0

Un furto ha messo in seria difficoltà la Casertana, che a poche ore dal match di Serie C contro il Catania si è ritrovata senza divise né scarpini. La società è riuscita a reperire in fretta il materiale necessario per permettere ai giocatori di scendere regolarmente in campo. La Polizia, intanto, è alla ricerca dei ladri.

casertana
La Casertana è regolarmente scesa in campo a seguito dello spiacevole evento (Photo/Facebook)

La Casertana è rimasta senza divise, scarpini e altre attrezzature da gioco a causa di un furto. Una banda di ladri si è infatti introdotta negli spogliatoi dello Stadio Alberto Pinto e ha portato via, a poche ore dall’impegno di quest’oggi contro il Catania, oggetti indispensabili per la disputa della partita, valida per la diciottesima giornata del campionato di Serie C . Per qualche minuto si è persino temuto che il lunch match potesse essere rinviato per cause di forza maggiore, ma alla fine si è trovata una soluzione e i padroni di casa hanno anche trionfato contro i rossoblù.

Leggi anche -> Furto a Buckingham Palace: il maggiordomo ruba oggetti e li rivende su eBay

Il furto allo Stadio Alberto Pinto

Uno scenario assurdo quello scoperto dai membri dello staff della Casertana questa mattina. La porta del magazzino che si trova all’interno dello Stadio Alberto Pinto, infatti, è stata forzata nella notte. Maglie, pantaloncini e scarpini dei giocatori quasi tutti rubati. I custodi hanno immediatamente fatto scattare l’allarme e la società ha presentato denuncia alle forze dell’ordine. Gli agenti hanno effettuato i necessari rilievi all’interno della struttura e, in particolare, negli spogliatoi per rinvenire indizi utili a individuare gli autori del vile gesto. Purtroppo non sarà possibile contare sulle immagini di videosorveglianza interne all’impianto, né sulle telecamere esterne del Comune in quanto erano nella notte inattive. Al momento, ad ogni modo, non si hanno notizie in merito ad eventuali risvolti nelle indagini. La speranza è che i colpevoli non restino impuniti.

Il comunicato

Questa mattina, alla riapertura dello stadio ‘Pinto’ in vista della gara interna con il Catania in programma alle ore 12.30, gli addetti del club rossoblu si sono trovati di fronte uno spettacolo amaro. Forzata la porta del magazzino e asportate tutte le divise da gioco, nonché gran parte delle scarpette dei calciatori rossoblù. Un gesto posto in essere da ignoti che arriva a poche ore dal calcio d’inizio del primo match del nuovo anno. La Casertana FC resta stupita di fronte a un tale gesto e condanna fermamente l’accaduto. Le Forze dell’Ordine stanno cercando di far luce su quanto registratosi“. Con queste parole la Casertana ha annunciato, tramite i canali ufficiali, il furto subito.

Leggi anche -> Casertana-Viterbese, caos Covid: rossoblù in 9, alcuni in campo con la febbre

Casertana-Catania

La Casertana, intanto, è regolarmente scesa in campo per disputare il match casalingo contro il Catania. La società inizialmente aveva richiesto il rinvio dell’impegno per cause di forza maggiore, ma successivamente si è trovata una soluzione. In una vera e propria corsa contro il tempo, con il fischio d’inizio della gara di Serie C in programma alle 12.30, i membri dello staff sono riusciti a recuperare da altre sedi di stoccaggio le maglie necessarie per la gara odierna e a fare stampare in pochi minuti i nomi dei giocatori su di esse nonché gli scarpini che mancavano.

L’assurda giornata per il club campano si è ad ogni modo conclusa con un sorriso. Gli uomini di Federico Guidi hanno infatti conquistato la vittoria, mettendo a segno un tris contro il Catania. A segno TurchettaCarillo Cuppone. Tre punti fondamentali per la Casertana, che sta lottando per la salvezza.