Venezia, mister Zanetti commenta la sconfitta col Pordenone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:29

Paolo Zanetti, allenatore del Venezia, ha commentato la sconfitta in casa del Pordenone per 2-0. Grande amarezza e rimpianto per i lagunari che non trovano la vittoria da sei giornate. Scopri le parole del tecnico.

Paolo Zanetti
Paolo Zanetti (foto credit Venezia FC)

Sesta giornata senza vittorie per il Venezia di mister Zanetti. La prestazione non è mancata sul campo del Pordenone ma gli errori della squadra lagunare hanno fatto la differenza. Non è bastato l’ingresso in campo di Esposito per il Venezia, necessario tornare alla vittoria il prima possibile per non perdere la zona play-off. Scopri le dichiarazioni del tecnico lagunare a margine della partita.

LEGGI ANCHE ->Pordenone-Venezia 2-0 : tabellino e sintesi della vittoria neroverde

LEGGI ANCHE ->Venezia, primo colpo di mercato: arriva un giovane talento

Le parole di Zanetti

Si parte dall’analisi della sconfitta: “Facciamo fatica a concretizzare la grandissima mole di lavoro che creiamo. Spiegare la partita a chi non l’ha vista non è semplice, abbiamo perso 2-0 subendo un solo tiro. La cosa, purtroppo, si sta ripetendo. Quello che non voglio è entrare in un vortice mentale in cui si è troppo preoccupati sia di non riuscire a segnare sia di prenderne sempre uno al primo tiro.

Come uscirne: “Dobbiamo lavorare dal punto di vista mentale coi ragazzi, che sono molto dispiaciuti perché non riescono a ottenere quanto meritano. Il periodo è storto ma dobbiamo essere consapevoli che c’è ancora un girone e una partita da giocare. Il campionato non finisce oggi e quando la fortuna inizierà a girare sarà difficile per tutti affrontare questa squadra. L’importante è credere in quello che facciamo.”

Molti errori individuali: “Oggi Lezzerini è stato in giornata no ma non deve sentirsi responsabile perché tante volte ci ha salvato. I suoi errori hanno per me la stessa valenza dei gol che sbagliamo. Dobbiamo ragionare di squadra e la responsabilità me la devo prendere io, difendendo i giocatori che stanno dando l’anima e a cui sono grato. Io conosco una sola via, che è quella del lavoro. Ai ragazzi ho fatto i complimenti per la prestazione. Evidentemente ciò che facciamo non basta per raggiungere i nostri sogni, ma abbiamo tutto il tempo per cambiare la situazione. La giornata storta va messa da parte e bisogna pensare alla prossima partita, che è molto difficile.”

Sulle condizioni di Vacca e l’impatto di Esposito:  “Vacca è in ospedale per accertamenti, speriamo non sia nulla di grave ma ci aspettiamo un serio infortunio. Esposito mi ha dato un’ottima impressione, ha il fuoco dentro, vuole far bene ed esplodere. Abbiamo bisogno della sua freschezza, dato che non è coinvolto mentalmente in questo periodo. Noi dobbiamo continuare a far prestazioni. Sebastiano pur avendo 18 anni credo possa darci una grande mano così come noi possiamo darla a lui, ha davanti un grande futuro.”

In chiusura, il punto sulla situazione in casa Venezia: “Mi viene difficile spiegare questa situazione, onestamente raramente mi è successo in carriera tutto ciò. Noi ora dobbiamo unirci ancora di più e consolidare il nostro pensiero, i ragazzi vanno sostenuti in questa fase. Pretendo che il gruppo continui su questa strada, perché nonostante le difficoltà le prestazioni arrivano.”

LEGGI ANCHE-> Bologna-Verona 1-0: Orsolini decide su rigore. Tabellino, classifica e highlights