Benevento, Inzaghi: “Vogliamo riscattarci, ma guai a sottovalutare il Toro”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:50

Il Benevento sfiderà il Torino nella 19a giornata di Serie A. I giallorossi, reduci dalla sconfitta contro il Crotone, vogliono tornare a conquistare un risultato utile. L’avversario, tuttavia, ha fiducia in virtù del recente cambio di allenatore. Il tecnico Pippo Inzaghi ha presentato la gara in conferenza stampa.

inzaghi-benevento-meteoweek
Filippo Inzaghi, allenatore del Benevento (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

Benevento Torino si incontreranno nell’anticipo della diciannovesima giornata di Serie A. I giallorossi, reduci da due sconfitte consecutive contro Atalanta Crotone, vogliono tornare a conquistare risultati utili come hanno ampiamente dimostrato di sapere fare in questa prima parte della stagione. Ci proveranno tra le mura amiche contro i granata, che questa settimana hanno accolto il nuovo allenatore Davide Nicola. Sulla carta gli ospiti sono senza dubbio svantaggiati, ma il cambio di panchina ha risollevato gli animi. Entrambe le squadre hanno dunque grandi motivazioni per una sfida che si preannuncia da tripla.

Inzaghi alla vigilia

Pippo Inzaghi, intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della trasferta in Campania, ha parlato del momento che i suoi stanno vivendo: “Non vediamo l’ora di scendere in campo. E’ una partita difficile da commentare, domenica scorsa abbiamo prodotto un numero incredibile di occasioni da gol senza riuscire a passare in vantaggio nè a pareggiare successivamente. Una parentesi da chiudere quanto prima, il calendario ci offre subito l’opportunità di riscattarci ma guai a sottovalutare il Torino che, soprattutto in attacco, ha giocatori di livello assoluto. La Serie A è questa, ho sempre predicato equilibrio. Passare da sicuri retrocessi a qualificati in Europa non fa bene a nessuno. Per salvarsi occorrerà un’impresa, prima ce ne renderemo conto meglio è. Le dirette concorrenti hanno storia, blasone e organico di livello. Ci rimboccheremo le maniche, pronti alla battaglia senza mai tirarsi indietro. Vogliamo vincere il nostro scudetto, anche a costo di conquistare il punto decisivo all’ultimo minuto dell’ultima partita”. E sugli avversari: “Sono convinto che la squadra farà una grande prova e che si riscatterà subito, ma il Torino non può essere considerata una diretta concorrente. Ha un organico da Europa League e il centravanti che disputerà l’Europeo con la Nazionale. Occorrerà massima attenzione, ma i granata non hanno nulla a che vedere con la zona retrocessione. Il cambio di guida tecnica rappresenta un vantaggio per loro. Mi dispiace per Giampaolo, un amico e uno dei migliori allenatori del campionato italiano. Allo stesso tempo faccio un grande in bocca al lupo a Nicola. Io penso alla mia squadra: giochiamo in casa e, pur senza tifosi, ci teniamo a chiudere alla grande un ottimo girone d’andata”.

Leggi anche -> Torino, Nicola: “La priorità è cambio di rotta, col Benevento sfida speciale”

L’allenatore, inoltre, si è espresso a proposito dei dubbi di formazione: “Dico subito che Iago Falque non può giocare dal primo minuto. Quanto a Insigne, sta recuperando e domani mattina farà un provino decisivo. Ha perso 4-5 allenamenti e questa è una componente che mi porterà a fare delle riflessioni. Ho provato anche Tello sulla trequarti, oltre al solito Improta che ha ricoperto praticamente tutti i ruoli e con buoni risultati. La duttilità dei miei calciatori è un’arma in più. Dobbiamo cercare di recuperare al meglio tutte le energie, cambiare tutto per una sconfitta anche strana sarebbe un grosso errore. Siamo stati penalizzati dagli episodi, per fortuna continuiamo a creare e quindi sono fiducioso. A centrocampo possiamo contare su Nicolas Viola, elemento che ci è mancato per tanto tempo e che si sta avvicinando ad una condizione ottimale. Caldirola mi piacerebbe fosse pronto per giocare dal primo minuto, ma non credo sia ancora nelle migliori condizioni. A inizio settimana ha avvertito qualche dolore, ricordiamo che è reduce da un’operazione delicata e che è rientrato addirittura in anticipo rispetto alla tabella di marcia. Domani andrà in panchina, chi scenderà in campo offre comunque ampie garanzie”. E aggiunge: “Il Covid purtroppo sta condizionando tutti, devo dire che siamo stati anche fortunati sotto questo punto di vista. Certo, dispiace che Schiattarella si sia fermato nel suo momento migliore. Quanto agli infortuni, devo dire che lo stop di Letizia lascia tanto amaro in bocca: è un qualcosa di serio, non lo avremo a disposizione ancora per molto tempo. Dico, però, che chi è sceso in campo non ha mai fatto pesare le assenze”.

Leggi anche -> Torino, Cairo: “Anno fallimentare, ho stima di Nicola”. E sul rinnovo di Belotti…

Infine, una battuta sul mercato di gennaio: “E’ normale che chi si trova indietro abbia bisogno di rinforzi, non mi meraviglia questa cosa. Io devo pensare alla partita di domani e a ringraziare un gruppo che ha disputato un grande girone d’andata. Ho sempre espresso – conclude Inzaghiil mio pensiero: società e dirigenza hanno tanta competenza, sanno benissimo cosa e come farlo”.

I convocati del Benevento

Al termine dell’odierna seduta di rifinitura, il tecnico Filippo Inzaghi ha diramato l’elenco dei 24 calciatori convocati per la gara di domani 22 gennaio, ore 20.45, presso lo stadio “C. Vigorito” contro il Torino.

PORTIERI: Lucatelli, Manfredini, Montipò, Gori.

DIFENSORI: Caldirola, Glik, Tuia, Maggio, Barba, Foulon, Pastina.

CENTROCAMPISTI: Viola, Dabo, Tello, Hetemaj, R. Insigne, Basit, Masella, Improta, Ionita.

ATTACCANTI: Iago Falque, Di Serio, Caprari, Lapadula.