Genoa, Ballardini: “Cagliari arrabbiato, dobbiamo stare sul pezzo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:57
0

Davide Ballardini, allenatore del Genoa, ha affrontato i temi legati alla sfida contro il Cagliari di domani in conferenza stampa. Una gara difficile e che vale molto per entrambe le squadre.

Genoa, Ballardini
L’allenatore del Genoa, Davide Ballardini (Credits: Getty Images)

Sarà infatti un match salvezza a tutti gli effetti. Genoa e Cagliari si affrontano alle soglie della zona retrocessione anche se arrivano da due periodi molto differenti. I genovesi con il nuovo tecnico hanno messo a referto otto punti in cinque gare, media che non ha nulla a che fare con un campionato di sofferenza ed è per questo che la classifica ora è decisamente migliore rispetto a due mesi fa. Discorso diverso per i sardi che sono in caduta libera con cinque sconfitte di fila in campionato a cui si è aggiunta quella contro il Milan in Coppa Italia.

LEGGI ANCHE: Cagliari, Di Francesco: “Ritiro non punitivo, non so se è la mia ultima spiaggia”

Genoa, la conferenza stampa di Ballardini in vista del Cagliari

Davide Ballardini però non si fida: “è una squadra in difficoltà, per questo saranno molto arrabbiati. Nelle ultime gare però a volte hanno raccolto meno di quello che meritavano, come a Firenze, e questo denota grande serietà e decisione nel cambiare questo ultimo periodo negativo”. Il suo Genoa invece è in tutt’altro momento: “fisicamente stiamo bene e la squadra è coinvolta in entrambe le fasi di gioco, questo ci regala buone sensazioni”.

La difesa è diventato un punto forte, zero gol subiti contro Bologna e Atalanta, ma Ballardini predica attenzione: “non si può pensare in sole due gare l’equilibrio, soprattutto in questo campionato così strano”. Sarò una gara difficile ammette il tecnico del Grifone così come difficile sarà tutta la stagione visto che la classifica nei bassifondi è sempre più corta. “Le squadre sono tutte molto competitive, ben preparate e assemblate. Questa stagione ti impone di essere sempre sul pezzo, se vieni meno in qualche aspetto, il campionato te lo fa notare e diventi inadeguato”.