Sassuolo, mister De Zerbi: “Non partiamo alla pari”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:52
0

Roberto De Zerbi ha presentato in conferenza stampa la trasferta contro la Lazio. Si gioca domani allo stadio Olimpico alle ore 18. Scopri le dichiarazioni del tecnico.

Il tecnico neroverde (Sabbatini via GettyImages)

Vigilia di campionato per De Zerbi e il Sassuolo. Domani alle 18 la trasferta sul campo della Lazio. Il mister degli emiliani è intervenuto in conferenza stampa sui canali ufficiali della società. Scopri le sue dichiarazioni.

LEGGI ANCHE ->Lazio, Simone Inzaghi presenta la sfida al Sassuolo

LEGGI ANCHE ->Sassuolo-Parma 1-1: Djuricic beffa i crociati al 94’. Tabellino, classifica e highlights

La conferenza stampa

Si parte dal pareggio ottenuto a Parma:  Ha evidenziato un miglioramento a livello caratteriale, la squadra ci ha creduto fino alla fine e ho fatto i complimenti ai ragazzi perché sono stati bravi e l’avrei detto anche senza il pareggio. Abbiamo fatto una discreta partita, non una delle migliori, contro una squadra che va in vantaggio e si difende a oltranza tutti chiusi in 20 metri diventa difficile per tutte, oltre questo credo che abbiamo meritato almeno il pareggio”.

Serie A equilibrata? “Sì, l’ha detto Conte ieri e ha ragione con 7 squadre che potrebbero vincere il campionato, poi chi è più pronta e chi meno, sono tutte squadre che possono stare in Champions e possono lottare per il primo posto. Noi, la Sampdoria, il Verona, il Benevento, siamo dietro. Noi, con i nostri problemi, stiamo cercando di farci largo e se domani riuscissimo a fare risultato pieno sarebbe record sarebbe il segno ulteriore di un grandissimo campionato”.

Sulla Lazio: “Inizialmente quando giochiamo con una delle prime 7 non è mai una sfida alla pari, poi il campo, se saremo bravi a dimostrare il nostro valore, alla fine della gara potremmo dire di essercela giocata alla pari, ma inizialmente non sono partite alla pari, questo non vuol dire che non entriamo per fare i 3 punti o entriamo timidi. La Lazio è una squadra che negli ultimi anni sta facendo benissimo. Dopo la Juve è quella che ha vinto di più, ha giocatori forti, hanno un’identità forte, e questo spiega la difficoltà della gara di domani. Ha qualità, fisicità, ha esperienza e come noi stanno assieme da tanto e si conoscono ed è un vantaggio”.

Gli attaccanti saranno determinanti? “Sulla carta sono sempre determinanti perché fanno gol, poi la carta lascia spazio al peso che ha sulla partita. I difensori con noi hanno un certo peso perché fanno partire l’azione, così come il portiere e così come i centrocampisti. Si parla di attaccanti ma nel nostro caso sono tutti importanti. Noi abbiamo un difetto: basta che una rotella delle 11 non giri al 100% che si vede a occhio nudo. E non possiamo permetterci che uno o due siano sottotono. Quando facciamo delle partite brutte è perché 4-5 giocatori vengono a mancare nel rendimento, nella prestazione e noi, ancora più delle altre squadre per la modalità di gioco che abbiamo noi, lo paghiamo in maniera pesante”.

In chiusura una battuta sugli infortunati: “Abbiamo recuperato oggi Boga, due giorni fa Maxime Lopez, a inizio settimana Locatelli e sarà della partita, Bourabia è ancora fuori, poi Berardi è fuori e Chiriches è squalificato, tutti gli altri ci saranno.”

LEGGI ANCHE ->Serie A: gli arbitri della 19^ giornata di campionato, ultima d’andata