UFC, McGregor clamorosamente battuto per KO da Poirier

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:00
0

Uno dei più importanti incontri MMA nella storia del circuito UFC si conclude con un clamoroso colpo di scena: il favorito è battuto

UFC Poirier v Mc Gregor
Poirier, a sinistra, dichiarato vincitore nel big match di UFC S%/ ad Abu Dhabi (Getty Images)

I favori del pronostico erano tutti per Conor McGregor, l’uomo del momento, la superstar delle arti marziali miste che ha portato a un altro livello il mondo delle MMA rendendolo sempre più mediatico e proiettato verso un universo globale.

MMA, Poirier vince il big match

Ma sovvertendo tutti i pronostici il super favorito, stavolta, esce McGregor battuto. La vittoria nel match di cartello di UFC 257 va a Dustin Poirier. Che assapora così una clamorosa rivincita dopo che McGregor lo aveva notevolmente ridimensionato nella loro sfida del 2014.

Il buon avvio di McGregor, come sempre molto aggressivo fin dall’avvio, non ha destabilizzato Poirier. Che ha reagito all’aggressività della superstar irlandese spedendolo a a terra con una serie di pugni. McGregor è stato dichiarato KO a 2.32” del secondo round.
“Sono felice, ma non sono sorpreso – ha detto Poirier dopo la sua vittoria – ho messo davanti a tutto il lavoro. E sono contento che anche Conor abbia accolto questo verdetto in modo molto onesto. È un vero professionista, un amico. Tra noi c’è enorme rispetto. Ora siamo 1-1 e a giudicare dall’entusiasmo del pubblico per questa sfida forse prima o poi dovremo rifarlo”.

LEGGI ANCHE > Superlega maschile: la Lube vince e si avvicina alla vetta, Modena cade

McGregor incassa

Con il ritiro di Khabib Nurmagomedov – anche se da più parti si parla di un suo possibile irnetro – è Poirier l’uomo da battere. McGregor, un vero idolo per i fan delle MMA, esce ridimensionato dopo questa sconfitta in un big match molto atteso, la seconda dopo quella subita da Nurmagomedov.

L’irlandese ha reagito alla sconfitta alla sua maniera: “É meglio combattere e perdere o non combattere affatto? – ha chiesto retoricamente alla stampa – io sono sul ring, il resto non conta. É dura da buttare giù ma non ho rimpianti. Se non che ora sono ancora più motivato. Io non mi ritiro di certo” ha concluso con una sferzata Nurmagomedov.

In una card straordinaria, ospitata alla Etihad Arena di Abu Dhabi, spiccano altri risultati di grande rilievo. Michael Chandler ha battuto Dan Hooker fin dal primo round per KO. Vittoria per KO tecnico di Makmud Muradov su Andrew Sanchez. In ambito femminile due i match più attesi. Joanne Calderwood batte per decisione unanime Jessica (sette punti in tutto) jessica Ete mentre Marina Rodriguez regola al secondo round con un secco KO Amanda Ribas.