Coppa Italia, c’è Inter-Milan: tutto in una notte. La vigilia di Conte e Pioli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:01
0

Si respira aria di derby a San Siro: stasera alle 20.45 si sfidano Inter e Milan. In palio il pass per l’accesso alle semifinali di Coppa Italia. La vigilia di Conte e Pioli: “Quarto di finale importante, ci teniamo”.

Antonio Conte e Stefano Pioli

 

Luci a San Siro per il derby di Coppa Italia tra Inter e Milan, in programma questa sera alle 20.45.

Una sfida che comunque vada emetterà un verdetto inappellabile: soltanto una delle due milanesi accederà alla semifinale. Partita secca, in caso di parità al termine dei 90 minuti si procederà con i tempi supplementari ed eventualmente con i calci di rigore.

Ecco le parole di Antonio Conte e Stefano Pioli alla vigilia del match.

Conte: “Il Milan non è solo Ibra”

Non solo Ibra: Antonio Conte non si fida del Milan, memore della sconfitta nel derby di campionato di inizio stagione.

“Dal punto di vista psicologico c’è in palio il passaggio del turno e penso che questa sia la cosa più importante in una competizione come la Coppa Italia di cui abbiamo il massimo rispetto. Bisognerà fare una grande prova di squadra, Ibrahimovic è un giocatore importante per il Milan ma non c’è solo lui, è una squadra composta da giocatori forti e bravi tecnicamente che sta facendo cose importanti”, ha detto il tecnico nerazzurro in un’intervista pubblicata sul sito ufficiale dell’Inter.

Conte ha poi parlato del derby di campionato del 17 ottobre scorso, vinto dal Milan 2-1 con doppietta di Ibra e gol di Lukaku.

“E’ stata una partita dove ci siamo trovati sotto per 2-0, poi abbiamo segnato, abbiamo avuto diverse occasioni per pareggiare. Penso che in generale  dobbiamo essere molto più cinici e determinati soprattutto quando arriviamo all’ultimo passaggio, alla conclusione, quello sarà importante, essere determinati e decisivi soprattutto quando si arriva in zona gol”.

Conte su Lukaku e Lautaro

Nelle ultime uscite, la coppia della meraviglie Lukaku-Lautaro si è inceppata. L’allenatore dell’Inter però non è affatto preoccupato.

“Sono contento della partecipazione e dell’abnegazione che loro hanno durante tutta la partita, poi magari ci sono momenti più o meno fortunati per un attaccante. L’importante è che ci sia sempre grande partecipazione e abnegazione e questo da parte loro c’è sempre”, ha concluso Conte.

LEGGI ANCHE ——-> Conte-Maresca, il battibecco costerà caro ad entrambi

Pioli: “Ci teniamo”

Stefano Pioli ha presentato la supersfida di stasera a Milan Tv.

“È una competizione a parte e tra virgolette è anche più semplice da affrontare mentalmente. È una partita unica, che siano 90 minuto o 120 è un’altra competizione e una partita unica. Una competizione alla quale sicuramente teniamo, poi però il campionato sarà un’altra storia. Il prossimo derby fra un mese, con altre partite in mezzo importanti, quindi questa è solo una partita di Coppa Italia, un quarto di finale importante che cerchiamo di affrontare nel miglior modo possibile”.

“Inter pericolosa”

“È chiaro che ci sono avversari da affrontare, avversari pericolosi, la volontà però sarà sicuramente quella di tornare in campo con una prestazione positiva. È una competizione alla quale teniamo sicuramente, faremo di tutto per arrivare fino in fondo, perché poi alla fine tutte le grandi squadre del campionato si ritrovano a giocare i quarti di finale. Chiaro che non siamo stati particolarmente fortunati nel sorteggio, perché il nostro è diciamo il quadrante più forte, però se vuoi vincere la Coppa Italia devi affrontarle tutte. Sicuramente ci teniamo e faremo del nostro meglio”.

Out Bennacer e Calhanoglu

Due assenze pesanti in casa rossonera: Stefano Pioli dovrà rinunciare a Bennacer e Calhanoglu.

“Bennacer sta meglio ma sarà disponibile per la partita di sabato prossimo contro il Bologna. Calhanoglu non è ancora disponibile e abbiamo avuto un paio di problemi con Mandzukic, Kalulu e Tonali con la partita di sabato. Solamente oggi sapremo se saranno disponibili”.

Milan campione d’inverno

Durante l’intervista, Pioli ha tracciato un bilancio della prima metà del campionato che ha visto il suo Milan conquistare a sorpresa il titolo di Campione d’Inverno.

“Restano i 43 punti del girone d’andata così come restano i 41 punti del girone di ritorno dello scorso campionato che comunque fa parte del nostro percorso. Resta una squadra solida e competitiva ma che sa che deve competere con tante altre formazioni molto forti e molto valide. Ne abbiamo avuto la riprova sabato scorso, se non riesci a mantenere certi livelli poi rischi di soccombere contro questi avversari. Il nostro obiettivo adesso è fare uno sforzo ancora maggiore per provare a mantenere lo stesso risultato nel girone di ritorno”.

L’arrivo di Tomori

Infine, il tecnico della capolista ha parlato del giovane Tomori, sbarcato a Milano poche ore fa in prestito dal Chelsea.

“È un ragazzo molto intelligente e curioso. Arriva da un calcio diverso, il mio inglese è buono ma non eccezionale. Lui è attento, poi abbiamo tanti suoi compagni che parlano bene la lingua. Ha delle belle caratteristiche, belle qualità, è chiaro che ha fatto solo due allenamenti. Ci vorrà un po’ di tempo per inserirsi nel miglior modo possibile nei nostri”.

LEGGI ANCHE ———–> Rebic-Demiral: lo scambio tra Milan e Juve che è più di una suggestione