Marta Bassino terza al Kronplatz: vince Tessa Worley

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:07

La piemontese interrompe la sua striscia vincente ma recupera dopo la sesta posizione della prima manche. Vince la francese davanti a Lara Gut-Behrami e Bassino. Settima Sofia Goggia davanti a Federica Brignone.

bassino
Marta alle prese con l’Erta – meteoweek.com (Photo by Millo Moravski/Agence Zoom/Getty Images)

Marta Bassino vede interrompersi la striscia di vittorie consecutive in slalom gigante. Tuttavia l’azzurra riesce a portare a casa l’ennesimo podio nella disciplina, al termine di una gara in rimonta. Più conservativa nella prima manche e decisamente all’attacco nella seconda, l’atleta di Borgo San Dalmazzo conclude in terza posizione la gara disputata a Plan de Corones, su una neve che si è trasformata in una trappola per le atlete. Marta Bassino, che ha vinto quattro dei cinque giganti disputati in stagione, mantiene la leadership nella classifica di specialità.

La prima manche aveva visto Marta Bassino un po’ in difficoltà, tanto da doversi accontentare della settima piazza a metà gara. Tanti errori, soprattutto nella seconda parte con le porte un po’ più strette e meno spazio per far scorrere. I continui e tortuosi cambi di direzione hanno messo un po’ in crisi le atlete, tanto che le specialiste dello slalom speciale sono venute fuori alla distanza. Come la svizzera Michelle Gisin, che aveva concluso in testa davanti a Tessa Worley e alla nostra Federica Brignone. Ma la seconda manche ha cambiato le carte in tavola.

Leggi anche -> Innerhofer: “Non pensavo di finire quarto. Il Covid è terribile”

Sono venute alla distanza le vere protagoniste di questa specialità. Tra queste la nostra Marta Bassino, che ha tirato giù sulla neve del Kronplatz tutta la rabbia per una prima manche non all’altezza del suo talento e della sua forma. E così è arrivato un altro podio per lei, così come per una Lara Gut-Behrami a dir poco strepitosa in questo periodo. La vinctrice del SuperG di Crans Montana ha concluso in seconda posizione. E alla fine, è arrivato il trionfo per Tessa Worley. La francese, seconda nel gigante di Kranjska Gora, ha approfittato di una pista in netto miglioramento per trionfare.

Leggi anche -> Lara Gut-Behrami trionfa a Crans Montana. Goggia, che rimpianto!

Al termine della prova, c’è tanta soddisfazione nella prova di Marta Bassino. Soprattutto per la reazione avuta nella seconda manche: “Sono contenta, ci tenevo molto a questa gara, ho cercato di mollare il più possibile, ho rischiato e ne è valsa la pena“. Meno bene Federica Brignone, che ha visto crollare tutto nella seconda manche. Per lei una ottava posizione che ne ferma un po’ la crescita sul piano mentale. Davanti a lei anche Sofia Goggia, anch’essa protagonista di una buona seconda manche: “La Erta è molto tecnica e storta – ha detto – . La parte finale è la più difficile, sono contenta per me che sto migliorando e per Marta, sempre più in alto nella classifica di gigante“.

Già quella classifica di gigante che vede sempre in testa Marta Bassino. I 60 punti ottenuti oggi la portano a quota 460, contro i 336 della Worley e i 312 della Gisin. Nella classifica generale di Coppa del Mondo comanda sempre Petra Vlhova con 883 punti, davanti al tandem elvetico composto da Gisin e Gut-Behrami e a quello azzurro, Bassino-Goggia.