Olimpiadi di Tokyo, Florida chiama Cio: “Pronti ad essere sede alternativa”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:25
0

Il Giappone, secondo alcune indiscrezioni, vorrebbe defilarsi per le Olimpiadi 2021. Il Paese ospitante ha smentito il forfait, ma qualcuno non ci crede ancora. La Florida, a tal proposito, si è già candidata come sostituta. Lo Stato americano ha inviato una lettera al Comitato internazionale olimpico per proporsi.

olimpiadi
La sede dei Giochi Olimpici 2021 potrebbe non essere Tokyo (Photo/Getty Images)

Qualche giorno fa il Times ha lanciato l’allarme in merito alla volontà del Giappone di rinunciare ad essere il Paese ospitante dei prossimi Giochi Olimpici a patto di non ricevere sanzioni. Essi si sarebbero dovuti svolgere lo scorso anno, ma a causa della pandemia di Coronavirus sono stati rinviati al 2021. I numerosi fattori di incertezza attuali avrebbero destato qualche dubbio ai vertici di Tokyo, tanto che secondo i media sarebbero arrivati a valutare un forfait. La smentita è stata imminente, sia da parte del Governo nipponico sia da parte del Comitato internazionale olimpico. Nonostante ciò qualcuno è ancora incerto in merito al futuro delle tanto attese Olimpiadi, che avranno inizio a luglio. È per questa ragione altri Stati non hanno esitato a presentare la propria candidatura.

Leggi anche -> Olimpiadi, l’Italia avrà inno e bandiera a Tokyo: la svolta del Governo

La candidatura della Florida per le Olimpiadi

La Florida, a seguito delle notizie relative al presunto forfait del Giappone, si è fatta ufficialmente avanti per sostituirlo. Lo Stato americano, nella persona dello Chief Financial Officer Jimmy Patronis, ha inviato una lettera al Comitato internazionale olimpico, spronando l’esecutivo a valutare un trasferimento. “C’è ancora tempo per inviare un team in Florida a incontrare funzionari statali e locali per lo svolgimento dei Giochi”, ha scritto. Allo stesso tempo ha ricordato i numerosi eventi sportivi di successo organizzati nel Paese nei mesi scorsi, nonostante la pandemia di Coronavirus in corso.

Leggi anche -> Nba, super Lebron James contro Cleveland

Il Sunshine State, in effetti, mentre l’emergenza sanitaria era in atto, si è mostrato ampiamente capace di reagire, portando avanti un gran numero di campionati. Tra questi la Nba, che ha scelto proprio la Florida come bolla. I cestisti degli Stati Uniti si sono riuniti nel Walt Disney World a Bay Lake, vicino Orlando, per disputare in sicurezza le otto gare rimanenti. Una scelta che si è rivelata vincente, in quanto ha evitato la diffusione del Coronavirus tra gli atleti. A trionfare, in questo scenario, furono i Los Angeles Lakers.