Vicenza, Di Carlo: “A Reggio perso per rigore dubbio, ora testa al Venezia. Serve aggressività”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:52
0

Il derby veneto tra Vicenza e Venezia andrà in scena nell’anticipo della 20esima giornata di Serie B. I biancorossi, reduci da una sconfitta e due pari, tenteranno di tornare alla vittoria. Il tecnico Domenico Di Carlo ne ha parlato in conferenza stampa alla vigilia.

Di Carlo
Domenico Di Carlo, allenatore del Vicenza Virtus (Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)

Vicenza Venezia si sfideranno domani sera allo Stadio Romeo Menti in occasione della ventesima giornata del campionato di Serie B. I biancorossi, reduci dalla sconfitta nello scontro diretto per la salvezza con la Reggiana, vogliono tornare a conquistare punti preziosi per allontanarsi dalla zona retrocessione. I lagunari, invece, intendono dare continuità alla vittoria dello scorso turno contro il Cittadella, arrivata dopo una lunga striscia di risultati altalenanti. Sulla carta gli arancioneroverdi, in virtù dei sette punti in più in classifica, sono favoriti, ma la squadra di Domenico Di Carlo darà il massimo per mostrare le proprie qualità tra le mura amiche.

Leggi anche -> Vicenza, Di Carlo: “Sfortuna non ci lascia, serve più determinatezza”

Di Carlo alla vigilia

Domenico Di Carlo, intervenuto in conferenza stampa alla vigilia dell’impegno casalingo, è tornato a parlare della sconfitta in casa della Reggiana: “Sappiamo benissimo che non abbiamo fatto una grande prestazione e non è stata all’altezza del Vicenza, dobbiamo trarre forza soprattutto per l’atteggiamento e il coraggio. Non possiamo giocare sottoritmo, abbiamo una nostra fisionomia e mentalità e dobbiamo tornare a rimettere in campo gli atteggiamenti e l’aggressività che ci hanno contraddistinti. Il gol della Reggiana? Diciamo che non ci era piaciuto come si era lasciato cadere il giocatore, il rigore non c’era, mentre era mancato un rigore a nostro favore. Hanno vinto la gara e speriamo che domani possa tornare indietro ciò che ci è stato tolto all’andata”.

Ora, tuttavia, i biancorossi sono concentrati sulla sfida contro il Venezia: “Per fare un buon girone di ritorno servirà l’atteggiamento giusto, la convinzione e il lavoro, poi dovremo vincere qualche partita in più in casa perchè abbiamo vinto solo una partita e non basta. I nostri tifosi ci mancano ma dobbiamo trovare una strada diversa per arrivare a qualcosa di più in casa. Dobbiamo essere bravi a portare gli episodi da parte nostra: ad esempio venerdì scorso  ero fiducioso perchè perchè la squadra aveva fatto un allenamento propositivo mentre in partita non siamo riusciti a giocare con personalità”. Sulla possibilità che il risultato si sblocchi da palla inattiva, in particolare: “Ci abbiamo lavorato anche in settimana, il Venezia ha molti giocatori bravi nel calciare i calci piazzati e giocatori bravi nel colpire di testa, nell’ultimo periodo abbiamo subito diverse reti così, dobbiamo alzare il livello di attenzione”.

Leggi anche -> La Reggiana piega il Vicenza e torna a sorridere dopo un lungo digiuno

E sulla formazione: “L’ho già ben definita in testa e verificherò le condizioni di tutti, probabilmente non recupereremo Dalmonte che non si sente al 100% e preferiamo tenerlo da parte. Meggiorini se sta bene giocherà, chiunque fa coppia con lui dovrà andare a mille. Voglio aggressività. Domani può essere la partita di Longo come di altri. Tornano Rigoni e Padella. Abbiamo avuto una settima di tempo per preparare questa partita che ha una buona difesa con un attacco mobile. Forte? E’ già a 10 gol e i numeri non mentono. Nel girone di ritorno mi aspetto molto dai nostri attaccanti. Nel girone di andata abbiamo segnato molto ma con diversi giocatori, quindi dobbiamo sfruttare al meglio le occasioni che ci vengono concesse. Il tifoso è normale che voglia sognare, ma il nostro obiettivo sapete qual è, ovvero consolidare la categoria. La sconfitta di Reggio Emilia ha disturbato tutti: me, i giocatori, i tifosi, la società. Questo è normale, ma abbiamo anche la possibilità di rifarci, tenendo però presente il nostro obiettivo finale. Longo e Jallow non hanno fatto la preparazione con noi. Sono arrivati senza preparazione e so che nel girone di ritorno possono fare molto meglio ed aiutarci a raggiungere l’obiettivo della salvezza”. Infine, una battuta sulla possibilità che la società si muova sul mercato: “Per adesso – conclude Di Carlo – siamo a posto così, ma in ogni caso rimaniamo vigili sul mercato”.

I convocati del Vicenza

Sono 24 i giocatori convocati da Mimmo Di Carlo in vista dell’anticipo della ventesima giornata di Serie B, che vedrà il Vicenza ospitare tra le mura amiche del “Menti” il Venezia. Mancano all’appello Dalmonte, Da Riva, Ierardi e Nalini.

Di seguito l’elenco completo.

PORTIERI: Grandi, Perina, Zecchin

DIFENSORI: Barlocco, Beruatto, Bruscagin, Cappelletti, Fantoni, Padella, Pasini, Valentini

CENTROCAMPISTI: Agazzi, Cinelli, Pontisso, Rigoni, Vandeputte, Zonta

ATTACCANTI: Giacomelli, Gori, Jallow, Longo, Mancini, Marotta, Meggiorini