Atalanta, Gasperini: “Kovalenko? Aspettiamo lunedì. Lammers? Sta bene qui”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:02

Durante la conferenza stampa di presentazione della partita di Serie A Atalanta-Lazio, il tecnico Gian Piero Gasperini si è soffermato anche a parlare di calciomercato, a pochi giorni dalla chiusura: i nomi caldi sono Kovalenko e Lammers.

Da sinistra: Viktor Kovalenko dello Shakhtar Donetsk in campo contro il VfL Wolfsburg, 12 marzo 2020 (foto di Handout/VfL Wolfsburg via Getty Images) e Sam Lammers dell'Atlanta che gioca contro il Cagliari, 4 ottobre 2020 (foto di Emilio Andreoli/Getty Images)
Da sinistra: Viktor Kovalenko dello Shakhtar Donetsk in campo contro il VfL Wolfsburg, 12 marzo 2020 (foto di Handout/VfL Wolfsburg via Getty Images) e Sam Lammers dell’Atlanta che gioca contro il Cagliari, 4 ottobre 2020 (foto di Emilio Andreoli/Getty Images)

Il tecnico dell’Atalanta Gian Piero Gasperini, è stato interrogato nella conferenza stampa di presentazione della partita Atalanta-Lazio anche riguardo i nomi calci del calciomercato nerazzurro, cioè Kovalenko e Lammers. La risposta dell’allenatore è stata secca: “Non c’è alcuna apprensione per il mercato. Siamo a posto così“.

Eppure, andando a sondare i casi specifici, emerge che invece queste ultime ore saranno decisive. Riguardo Viktor Kovalenko, Gasperini ammette: “Bisogna aspettare lunedì, non è ancora chiaro cosa succederà“. Il trequartista dello Shakhtar Donetsk dovrebbe ricoprire il non facile ruole di sostituto di Papu Gomez.

Per quanto riguarda invece Sam Lammers, la situazione è più delicata. L’attaccante è finito dietro Zapata e Muriel nelle gerarchie della squadra, raccimolando solo 10 presenze e due gol da inizio stagione. È noto a tutti, anche al giocatore olandese, che in altre squadre avrebbe l’opportunità di giocare come titolare.


Leggi anche:

Gasperini spiega: “Lammers sta bene, come tutti gli attaccanti. È un giocatore dalle ottime caratteristiche, può giocare in diversi modi. Sta facendo bene anche in settimana. I giocatori che vengono presi sono funzionali alla squadra, poi bisogna cercare di adattare anche le migliori caratteristiche del giocatore”.

Poi continua: “L’impostazione della squadra non va smantellata. Lammers si sta inserendo, arriva da un campionato diverso. Ci vuole un po’ più di tempo a differenza di Maehle, Romero o Pessina. Ci sono altre dinamiche nelle esigenze di una società, deve giocare per avere una crescita anche in prospettiva. Resterà? Per me sì“.