Barcellona, Bartomeu si difende: “Messi, non sono stato io a pubblicare il contratto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:56
0

Dopo la pubblicazione dei dettagli del contratto di Leo Messi con il Barcellona, l’ex presidente Bartomeu si è affrettato a dichiarare la sua estraneità allo scandalo. Ecco perchè si è sentito chiamato in causa.

"<yoastmark

A seguito della diffusione dei dettagli del contratto di Leo Messi con il Barcellona da parte di El Mundo, in molti hanno pensato che l’autore del gesto fosse stato Josep Maria Bartomeu. Questo perchè l’ex presidente del club spagnolo è attualmente sotto inchiesta per corruzione per un presunto tentativo di screditare alcune persone a lui ostili nella società, fra cui proprio Messi e sua moglie.

Bartomeu ha voluto rilasciare un intervista al programma Gol a Gol del canale televisivo spagnolo TV3, dove ha dichiarato: “È totalmente falso che sia stato io a far filtrare alla stampa i dettagli del contratto di Messi. Leo si merita quanto guadagna, sia dal punto di vista sportivo che commerciale. Senza il Covid, il Barça avrebbe pagato il suo ingaggio senza alcun problema”.

Barcellona, non è solo Bartomeu a prendere posizione

Mentre Bartomeu prende le distanze dallo scandalo, anche l’allenatore Ronald Koeman ha voluto dire la sua su quanto accaduto. Il tecnico in conferenza stampa è piuttosto duro: “Se dovesse venire fuori che il contratto è stato dato alla stampa da una persona che lavora nel Barcellona, è sicuro che la sua carriera nel club non potrà continuare“.

Anche il Barcellona ha rilasciato un comunicato ufficiale, ha espresso la sua contrarietà nella pubblicazione di un documento che sarebbe dovuto rimanere riservato. Il club blaugrana ha anche ribadito di non aver mai diffuso i dettagli dei contratti dei propri giocatori, e ha voluto mostrare solidarietà a Messi per quello che viene definito un tentativo di screditare la sua immagine.


Leggi anche:

Il fine ultimo di questa operazione, infatti, sembrerebbe essere la dimostrazione che La Pulce sarebbe la causa principale della crisi economica che sta attraversando il Barcellona. La società spagnola è infatti rimasta praticamente ferma sul mercato invernale, vanificando anche l’opportunità di comprare Memphis Depay proprio per mancanza di liquidità.