Inter-Juventus 1-2 | Tabellino | Cronaca della partita | Pagelle | Highlights

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:10
0

Il primo round della semifinale di Coppa Italia se lo aggiudica la Juventus che sbanca San Siro in rimonta. Vantaggio lampo di Lautaro Martinez, poi sale in cattedra Cristiano Ronaldo. Nella ripresa nerazzurri due volte vicini al pari. Ritorno tra sette giorni a Torino.

Vittoria della Juventus a San Siro nella gara di andata della semifinale di Coppa Italia: a segno Lautaro Martinez e Ronaldo con un doppietta (foto Getty Images)

Dopo il k.o. di campionato, la Juventus si prende la rivincita e batte l’Inter in rimonta nella semifinale di andata di Coppa Italia giocata questa sera a San Siro.

Parte forte la squadra di Conte che passa in vantaggio con Lautaro Martinez. Poi un rigore trasformato da Ronaldo rimette in corsa la Juve. E’ ancora il portoghese a siglare la rete del sorpasso prima della metà di gara. Nella ripresa i Campioni d’Italia resistono e festeggiano la vittoria in attesa di martedì prossimo a Torino.

La cronaca

Il primo round lo vince la Juve. Vittoria preziosa per la squadra di Pirlo sul campo dell’Inter nella semifinale di andata di Coppa Italia. Un successo che vale doppio perché ottenuto in trasferta ma soprattutto perché arrivato in rimonta.

E infatti le cose si erano messe subito male per i bianconeri, trafitti da Lautaro Martinez dopo soli nove minuti. Ancora una volta l’invito parte da Barella che dopo aver ricevuto palla da Sanchez sulla destra mette in mezzo per l’argentino. Il Toro non ci pensa due volte e calcia verso la porta: Buffon ci arriva ma non trattiene e la palla si infila in fondo al sacco. Non certo impeccabile l’esperto portiere bianconero in questa occasione.

Incassato il gol dello svantaggio, la Juve non si disunisce e cerca di costruire gioco. L’episodio decisivo, forse la svolta dell’incontro, accade al 23′. Traversone dalla sinistra di Bernardeschi che sembra irraggiungibile per Cuadrado. Il colombiano cade in area dopo il contatto con Young. Si accende una mischia con Handanovic e Bastoni che vanno a rimproverare il giocatore della Juve. Calvarese non fischia ma viene richiamato dal Var: è calcio di rigore. Ronaldo trasforma e rimette il Derby d’Italia in equilibrio.

A questo punto è l’Inter che accusa il colpo. La frittata la combinano Handanovic e Bastoni al 34′: durante un alleggerimento difensivo, il difensore non si accorge che il portiere esce fuori dall’area di rigore. Malinteso tra i due, Ronaldo si inserisce come un fulmine e con un sinistro chirurgico piazza il pallone nell’angolino da posizione defilata. La sfera si infila nella porta sguarnita dopo aver toccato il palo interno.

Nel breve spazio di otto minuti, il Derby d’Italia si sposta dalla parte bianconera. Ronaldo e Betancur provano ad assestare il colpo del k.o. ma l’Inter si salva.

Secondo tempo volitivo da parte dei nerazzurri, comunque privi di due pezzi da novanta come Lukaku e Hakimi, entrambi squalificati. La Juve cala leggermente ma non rinuncia a pungere in contropiede.

Le occasioni migliori capitano però alla squadra di Conte che va vicinissima al pari con Sanchez al 57′: il cileno approfitta di un errore di Betancur al limite della sua area ma il suo tiro a colpo sicuro viene deviato con il tacco da Demiral che evita così un gol certo.

Nuova chance per i padroni di casa al 68′: Darmian si libera in area, dribbla i difensori e conclude di sinistro. Buffon è prodigioso.

Allora Conte getta nella mischia Eriksen al posto di Vidal che non la prende bene e polemizza per il cambio. Stessa reazione di CR7, rimpiazzato da Morata pochi minuti dopo.  L’Inter ci prova fino all’ultimo ma la benzina è finita.

La Vecchia Signora resiste e torna a casa con il sorriso. Retour match tra sette giorni a Torino: in palio la finalissima di Coppa Italia. La Juve parte con un importante vantaggio. Ma l’Inter farà di tutto per sovvertire il risultato.

Inter-Juventus: il tabellino

INTER (3-5-2):  Handanovic 5; Skriniar 5,5, De Vrij 6, Bastoni 5 (85′ Pinamonti); Darmian 6, Barella 6, Brozovic 6 (85′ Sensi s.v.), Vidal 6 (72′ Eriksen 6), Young 5 (66′ Perisic 5,5); Lautaro Martinez 6,5, Sanchez 6. Allenatore: Conte.

A disposizione: Padelli, Radu, Gagliardini, Vecino, Kolarov, Sensi, Ranocchia, Perisic, Eriksen, D’Ambrosio, Pinamonti.

JUVENTUS (4-4-2):  Buffon 6,5; Caudrado 7, Demiral 6,5, De Ligt 7, Alex Sandro 6; Rabiot 6, Bentancur 6 (76′ Arthur), McKennie 6 (89′ Chiesa s.v.), Bernardeschi 6; Kulusevski 6 (89′ Chiellini s.v.), Cristiano Ronaldo 7,5 (76′ Morata s.v.). Allenatore: Pirlo.

A disposizione: Szczesny, Pinsoglio, Chiellini, Danilo, Bonucci, Dragusin, Frabotta, Arthur, Chiesa, Fagioli, Peeters, Morata.

Arbitro: Calvarese di Teramo. Assistenti: Carbone e Peretti. Quarto uomo: Massa. Var: Irrati. Assistente Var: Paganessi.

MARCATORI: Lautaro Martinez (I) al 9′; Ronaldo (J) su rigore al 26′ e al 34′.

NOTE: Ammoniti Young, Sanchez e Vidal (I); Demiral, De Ligt, Morata Arthur e Alex Sandro (J).

Gli highlights

Pubblicheremo il video con le immagini salienti della gara non appena saranno disponibili.

LEGGI ANCHE —> Ronaldo regala la semifinale di andata alla Juve