Felipe Melo avvisa il Bayern Monaco: “Sogniamo il Mondiale”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:35
0

Fresco campione di Copa Libertadores, il capitano del Palmeiras Felipe Melo ha parlato a Globoesporte: “Sogniamo di vincere il Mondiale”. Ecco le sue dichiarazioni.

Felipe Melo
Felipe Melo, capitano del Palmeiras, alza la Copa Libertadores (credit Getty Images)

Il Palmeiras ha trionfato in finale di Copa Libertadores battendo il Santos al termine di una battaglia lunga ed estenuante. Decisivo è stato il gol di Breno al minuto 99, quando ormai la partita sembrava non aver più nulla da raccontare. Capitano della squadra campione è Felipe Melo, ex Fiorentina, Juventus ed Inter fra le altre: a pochi giorni dallo storico trionfo ha parlato a Globoesporte, toccando l’argomento Mondiale per club e lanciando la sfida al Bayern Monaco. Ecco le sue dichiarazioni.

LEGGI ANCHE -> Tuchel, senti Flick: “Nessuno andrà al Chelsea, perchè qui al Bayern Monaco…”

Felipe Melo: “Può succedere di tutto”

Felipe Melo, nella finale contro il Santos, è entrato in campo al minuto 101, quando mancava una manciata di secondi al triplice fischio, giusto in tempo per indossare la fascia da capitano e alzare al cielo il trofeo. Premio per un giocatore che ha subito un brutto infortunio, ma che è tornato in campo nel momento più importante. A pochi giorni da quel trionfo, il centrocampista brasiliano ha rilasciato un’intervista, dichiarando senza paura il prossimo obiettivo del Palmeiras: “Nel Mondiale per club c’è una squadra da battere, ed è il Bayern Monaco. Ha la miglior rosa, il miglior giocatore al mondo e altri grandi calciatori. Tutte le partite saranno difficili. Penseremo prima alla semifinale, sarà complicata e speriamo di vincere. In finale, teoricamente, dovremmo trovare il Bayern, ma puù succedere di tutto. Noi sogniamo il trofeo, il tifoso del Palmeiras ha il diritto di sognare”.

Felipe Melo ha parlato anche dell’allenatore del Palmeiras, Abel Ferreira: “Per me è già una leggenda del club, come lo sono il professor Felipe Scolari e Luxemburgo. Sono allenatori che hanno vinto molto e Abel ci ha portato la seconda Libertadores, dopo 20 anni. L’unico a vincere era stato Felipao. Abel sarà ricordato per l’eternità”.

L’ultimo trionfo non europeo nel Mondiale per club? Si tratta di una squadra brasiliana

Per tradizione, almeno negli ultimi anni, il Mondiale per club è una competizione che spesso viene vinta dalla squadra campione d’Europa. Un successo non europeo è raro, ma non impossibile: nel 2012, infatti, il Chelsea ricco di campioni come Lampard, Hazard e Torres, perse contro il Corinthians per 1-0 (rete di Guerrero). L’ultimo trionfo non europeo è dunque di un club brasiliano: Felipe Melo spera di replicare l’impresa con i suoi compagni di squadra.