Parma, Conti e Bani in coro: “Possiamo ancora salvarci”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:29
0

Parlano i due difensori, arrivati a Parma durante il mercato di gennaio. Conti ringrazia il tecnico D’Aversa che ha spinto per averlo. Bani fa capire che bisogna lottare tutti uniti per la salvezza.

conti parma
Andrea Conti con la maglia del Parma – meteoweek.com (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Andrea Conti e Mattia Bani si presentano alla stampa. I due difensori sono arrivati a Parma durante la finestra invernale di mercato, per provare a dare una mano a una delle formazioni pericolanti di serie A. Da una parte c’è l’esterno, che dopo tanti infortuni ha deciso di lasciare il Milan per rilanciarsi sulla via Emilia. Dall’altra c’è il centrale, che non ha giocato molto al Genoa e torna a pochi passi da quella Bologna, che tanto gli ha dato nella stagione precedente. Per loro, dunque, Parma rappresenta un’opportunità per una rivincita.

Per primo ha parlato Conti, il quale ha fatto capire che bisogna lottare per far salvare la squadra ducale. “La situazione non è semplice – ha detto – , ma abbiamo giocatori di alto livello. Domenica parte un nuovo campionato, siamo convinti raggiungeremo l’obiettivo“. E poi c’è il feeling con Roberto D’Aversa, il tecnico che lo ha voluto a Parma: “È stato importante perché lo conosco da anni e so come lavora e che gioco vuole. L’ho sentito spesso, anche nell’estate scorsa, avevo bisogno di cambiare e ho scelto di venire qui anche per la società, seria e storica. Possiamo fare bene“.

Conti ha giocato per Atalanta e Milan, squadre che hanno grandi obiettivi e li hanno avuti con lui in squadra. Ma l’esterno gialloblu sa bene quanto bisogna lavorare per ottenere la salvezza. E fa capire di essere pronto a tutto per ottenerla: “Io ho lottato per salvarmi in passato, so cosa significa – ha dichiarato – . Con la squadra che abbiamo sappiamo che l’obiettivo è difficile, le altre lotteranno fino alla fine, ma siamo un ottimo gruppo con ottimi giocatori e già da domenica partirà un nuovo campionato per fare questi 27 punti“.

Leggi anche -> Parma, ora è ufficiale: arriva il gigante Zirkzee dal Bayern Monaco

Attualmente il Parma si trova in ritiro per preparare i prossimi impegni di campionato. Conti non vede la cosa come necessariamente punitiva: “Lo vedo come uno stare insieme per conoscerci meglio, non come una punizione. Stiamo sfruttando questi giorni per conoscerci e siamo tutti convinti che sia giusto restare qui e condividere i momenti insieme“. Dopo la sconfitta di Napoli, la squadra si è confrontata. E la cosa più importante è stata fare quadrato sul momento dei gialloblu: “È stato un confronto classico, abbiamo fatto una buona partita ma abbiamo concesso due gol per errori nostri“.

Parma, parla Bani

Mattia Bani – meteoweek.com (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Come detto, è intervenuto in conferenza stampa in casa Parma anche Mattia Bani. Il difensore proveniente dal Genoa ha sfoderato tutta la sua carica per questa nuova avventura: “Cerco di portare la mia esperienza. Dobbiamo ritrovare coraggio, quando giochi queste partite ci vuole anche spavalderia. C’è qualità, possiamo salvarci. Io penso che questo mese sia decisivo come gli altri, dobbiamo fare 27 punti e non possiamo permetterci di pensare ad una partita prima di un’altra. Fino all’ultima partita daremo battaglia”.

Leggi anche -> Parma, D’Aversa: “Bisogna rispettare questa gloriosa maglia”

Quella di domenica, la prima per lui a Parma, sarà già una partita particolare per Bani. Si gioca il derby della via Emilia contro il Bologna. Il difensore sarà uno dei grandi ex della sfida, ma vuole farsi trovare pronto: “Mi aspetto una partita difficile perché col Bologna è sempre difficile. L’anno scorso ero dall’altra parte e il Parma è sempre un avversario ostico: abbiamo pareggiato noi all’ultimo e in una ha pareggiato il Parma nel recupero. Sono partite aperte, chi sbaglia meno porta a casa i tre punti. Sappiamo che queste partite durano fino alla fine, l’importante è non prendere gol e cercare una zampata anche all’ultimo“.