Tiana Tola, morta la campionessa di Judo: lottava da anni contro la malattia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:30

Il mondo dello sport è a lutto per la scomparsa di Tiana Tola. La campionessa di Judo è morta dopo avere lottato per oltre un decennio contro una malattia autoimmune. L’atleta originaria di Sassari aveva 61 anni.

tiana tola
Tiana Tola, campionessa di Judo morta a 61 anni – meteoweek.com

Tiana Tola si è spenta all’età di 61 anni. L’atleta originaria di Sassari, sette volte campionessa di Judo negli anni Settanta, da più di un decennio lottava contro la miastenia grave, una malattia autoimmune. La donna aveva iniziato la sua carriera da giovanissima presso la Judo Club Torres e, dopo avere vinto qualsiasi titolo in Sardegna, era partita in giro per l’Italia. Incommensurabile la sua grinta e determinatezza. “Indimenticabile la finale di uno dei vari campionati Italiani ai quali Tiana gareggiò, quando durante un combattimento, la sua spalla destra fuori uscì provocandole difficoltà di movimento, oltre che fortissimo dolore. Sembrava che la gara dovesse finire lì, ma Tiana continuò a combattere, e con reale stupore di tutti, vinse e portò il prestigioso trofeo in Sardegna“. Così la ricordano i fratelli Tony, anch’egli campione di Judo, e Roberto, musicista jazz.

Leggi anche -> La verità di Francesca Fioretti sulla morte di Davide Astori: “Basta stare in silenzio”

Dopo l’addio al mondo dello sport Tiana Tola ha continuato a vivere in Sardegna. Negli anni successivi al ritiro ha partecipato come ospite a diverse trasmissioni televisive locali. Successivamente aveva aperto un centro per la cura ed il benessere del corpo a Sassari. Dal 2009, tuttavia, è stata colpita dalla miastenia grave, con cui ha lottato per dodici lunghissimi anni. Alla fine si è dovuta arrendere. A darne il triste annuncio il fratello Roberto Tola sul suo profilo Facebook. “Sono stati 12 anni di lotte, dove Tiana ha dimostrato ancora, da quella vera guerriera che è sempre stata, una forza inspiegabile. Ma ciò, non è bastato. Questa volta ha dovuto cedere ad un’avversario tremendo, sovraumano, che ha reso lei e tutti noi impotenti. Ci lascia un esempio di umiltà, signorilità, forza e bellezza! Ciao Tiana“, ha scritto.