Milan, il Palmeiras ci ripensa: Vina può partire per 8 milioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:10

Alla fine il tanto desiderato terzino non è arrivato. Il tassello mancante sulla fascia non è stato trovato da Maldini. Ma nelle ultime ore si fa calda la pista che porta a Matías Vina del Palmeiras.

Come vi avevamo anticipato qualche giorno fa, il Milan era alla caccia di un terzino, giovane e affidabile. Sul gong, alla fine del calciomercato invernale, è arrivato Kerkez, giovanissimo talento che farà parte della Primavera del Milan per ora. Ma nel frattempo sulla fascia i rossoneri hanno bisogno di un degno sostituto di Theo Hernandez. Si erano fatti tanti nomi, addirittura si era pensato a Junior Firpo, ragazzo che milita nel Barcellona e che sta conquistando i propri tifosi senza nessun ostacolo.

Qualche tempo fa la società rossonera aveva chiesto informazioni al Palmeiras su Matías Viña, 23enne terzino sinistro in forza nel club brasiliano. In pochissimo tempo la sua valutazione è aumentata, e dai 5,5 milioni spesi dai brasiliani, acquistandolo dal Nacional, oggi si pensa che il valore del suo cartellino si aggiri intorno agli 8 milioni.

Leggi anche——> Chi è Matias Vina, il terzino del Palmeiras nei radar del Milan

Matias Vina: il Milan ci prova

Si è appena laureato campione brasiliano insieme al suo Palmeiras grazie alla vittoria della Coppa Libertadores, Matias Vina però ha ancora fame di vittorie. Il Milan è interessato al suo profilo e farà di tutto per convincere il giocatore, portandolo in Italia. Vina è il volto adatto per il vice Theo Hernandez e Maldini non vuole farselo scappare, come ha fatto durante la sessione di mercato invernale.

Non c’è stato tempo. Il direttore tecnico ha avuto a che fare con tantissime trattative e su Vina ci si ripiomberà a giugno, in vista del calciomercato per eccellenza, quello estivo. In caso di picche da parte del club proprietario del calciatore, i rossoneri piomberanno forti su Junior Firpo del Barcellona, che ha una valutazione molto più alta e per questo è più probabile che, qualora si intavolasse una trattativa coi catalani, si penserebbe quasi sicuramente a un prestito secco.