Genoa, Ballardini e la rinascita del Grifone: “i giocatori sono la chiave”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:49
0

Davide Ballardini, allenatore del Genoa, commenta la vittoria 2-1 di questa sera contro il Napoli e non può fare altro che elogiare i suoi.

Genoa Ballardini
L’allenatore del Genoa Davide Ballardini oggi al Ferraris (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

Quarto risultato utile consecutive con tre vittorie e un pareggio, media punti da quando è tornato al Genoa di oltre 2 a gara e poi c’è la classifica. Dal penultimo posto il tecnico ravennate ha trascinato i rossoblu dal penultimo all’undicesimo posto a più nove sulla zona retrocessione. Un miracolo sportivo o quasi: “stiamo dimostrando di avere giocatori molto seri, di essere una squadra vera e poi in rosa abbiamo ragazzi di qualità”.

LEGGI ANCHE: Genoa, Pandev: “vittoria importante, ma non siamo ancora salvi”

LEGGI ANCHE: Genoa-Napoli 2-1 cronaca, tabellino, voti, classifica

Genoa, le parole di Ballardini dopo il 2-1 al Napoli

Eppure, nonostante una grande vittoria, Davide Ballardini qualcosa ai suoi rimprovera: “oggi avremmo potuto essere più bravi nella gestione della palla, sappiamo farlo meglio. Siamo stati brillanti solo a tratti, ma va detto che abbiamo giocato contro una grande squadra”. Il cambio di mister ha portato punti ma soprattutto uno spirito diverso e più sereno: “per me la serenità la conquisti di giorno in giorno – spiega Ballardini a DAZN – con tanta voglia di sviluppare le proprie idee e infine con i risultati”.

Il Genoa continua a stupire e così ogni domenica si chiede al proprio allenatore la formula magica: “la chiave sono i giocatori, loro ci tengono molto e grazie a questa voglia fanno esaltare l’allenatore”. Oggi il Grifone è stato quasi perfetto: “abbiamo fatto una buona gara – vola basso Ballardini – di grande attenzione e sacrificio”. Infine i singoli con menzione d’onore a Pandev che a fine stagione dovrebbe ritirarsi: “lui deve fare bene da qui alla fine. E’ un esempio e un ottimo giocatore, ci regala tutta la sua intelligenza, simpatia, qualità e umiltà”. Umile lo è anche Strootman, e già Ballardini lo aveva detto dopo l’esordio dell’olandese in rossoblu: “è intelligente e serio, le qualità le conosciamo, è stato un grande acquisto perché come prima cosa è arrivato un uomo speciale, di spessore”.