Reggina, mister Baroni dopo la vittoria sul Pescara

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:32

Il commento di Marco Baroni, tecnico della Reggina dopo la vittoria per 0-2 sul campo del Pescara. I calabresi ritrovano la vittoria in un momento cruciale. Il tecnico è intervenuto ai microfoni presenti nel post-partita. Scopri le sue dichiarazioni.

Baroni, tecnico della Reggina (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)
Baroni, tecnico della Reggina (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

 Marco Baroni, allenatore della Reggina, ha commentato alla stampa la vittoria per 0-2 sul campo del Pescara. Per i calabresi è la prima vittoria del 2021, in uno scontro fondamentale nella lotta salvezza. Gli amaranto conducono la gara e la risolvono con German Denis e Montalto. Il tecnico è intervenuto  ai microfoni presenti dopo la gara. Scopri le sue parole.

LEGGI ANCHE-> Pescara-Reggina 0-2: tabellino, sintesi e classifica aggiornata

LEGGI ANCHE-> Reggina, mister Baroni: “Concentrati contro il Pescara”

Le parole di Baroni

La vittoria è arrivata dalla panchina:“I giocatori in panchina devono essere pronti a subentrare, chi è andato dentro oggi mi è piaciuto, perché ha dato segnali importanti. Nel primo tempo abbiamo sbagliato troppo, eravamo un pò troppo lenti. Questo successo ci deve dare convinzione e la spinta per poter fare bene su ogni campoMi sono arrabbiato con la squadra dopo il primo tempo perché non c’era ritmo e in queste gare può succedere di tutto. La squadra è tornata bene in campo, questa è la squadra. Io credo che qualche giocatore deve svegliarsi, perché non basta giocare bene, bisogna andare in campo ed essere incisivi“.

Su Menez: “Lui ha fatto un passo avanti perché ha dato disponibilità, ma lui sa cosa voglio da lui, è un calciatore dal quale voglio ancora di più. Continuerò a pungolarlo sempre. La sua posizione? Lui soffre un pò il fatto di stare fuori dal gioco, ma lui non deve venire troppo basso. Abbiamo bisogno di lui nelle zone in cui può determinare. A Frosinone ha giocato punta centrale da solo e mi è piaciuto. Lui deve convincersi a toccare meno palloni e toccarli in una zona importante“.

Su Denis: “Quando sono arrivato German era in debito d’ossigeno. Lui ci darà una grande mano, cercherò di sfruttarlo al meglio in base alle sue caratteristiche. Oggi ha dato un segnale importante, non lo scopro di certo io. Lavoreremo per aiutare a sfruttare le sue peculiarità“.

LEGGI ANCHE-> Monza-Empoli 1-1: Boateng risponde a Mancuso. Cronaca e tabellino