Cagliari, Di Francesco commenta la sconfitta contro la Lazio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:49
0

Il Cagliari perde ancora. Finisce 1-0 per la Lazio all’Olimpico nel posticipo della 21° di campionato. Eusebio Di Francesco ha commentato la gara ai microfoni Sky. Scopri le sue dichiarazioni.

Il tecnico rossoblù ( Photo by Marco Rosi – SS Lazio_Getty Images)

Il Cagliari perde ancora, stavolta al cospetto della Lazio, e non riesce ad uscire dalle sabbie mobili della zona retrocessione. Decide un gol d’Immobile all’ora di gioco. Una situazione complicata per Eusebio Di Francesco che, ai microfoni di Sky Sport, ammette il proprio nervosismo dovuto alla classifica non certo rosea. Scopri le sue dichiarazioni.

LEGGI ANCHE ->Lazio-Cagliari 1-0 : sintesi, tabellino e classifica aggiornata

LEGGI ANCHE-> Lazio, Simone Inzaghi: “I ragazzi sono stati bravi. Sul rinnovo..”

Le parole del tecnico

Si parte dal rammarico per il risultato: “Tra raccattapalle e palloni che sparivano è normale che quando facciamo fatica fare risultato un po’ di nervosismo viene fuori. Ci sono stati certi atteggiamenti che hanno portato al nervosismo, ma comunque per me è finita lì. Credo che un po’ di nervosismo da parte mia sia accettabile vista anche la situazione”

La svolta sembra non arrivare… “Pesa il fatto di esserci presentati con diverse defezioni. Volevo essere meno basso in certe situazioni, ma ricordiamoci contro chi abbiamo giocato; hanno avuto un predominio netto anche senza avere tante occasioni, ma ce lo potevamo aspettare vista la qualità della squadra. Il nostro obiettivo era non concedere occasioni alla Lazio dando solidità a un momento non facile”.

Questo modulo è solo un’esigenza dovuta dal momento? “Dipende dall’interpretazione, ma riproponibile perché non è un modulo difensivo. L’ho fatto anche con il Barcellona in un momento nel quale la squadra era facilitata a cambiare vestito. Non posso dire, però, che i miei ragazzi non abbiano cercato di fare risultato fino alla fine della partita”.

L’atteggiamento del primo tempo è merito della Lazio o demerito vostro? “Entrambe le cose. Abbiamo sbagliato qualche giocata facile di troppo, ma ci stava che la Lazio alzasse il centrale portando Marusic in linea con la nostra difesa. Normale che poi ci sia anche un aspetto mentale, specialmente sull’approccio alle gare. Abbiamo cercato di fare una fase difensiva accorta”.

Siete corti a centrocampo? “Abbiamo preso Asamoah che arriva da un’inattività di un anno, Rugani veniva da pochissime partite giocate nel Rennes, Deiola e Duncan sono infortunati. Volevo dare ai giocatori davanti modificando dietro cercando ampiezza con i 4 a centrocampo”.

Quale è la posizione migliore per Nainggolan? “Lui voleva tornare a tutti i costi a Cagliari. La sua forma non è ancora ottimale, oggi è mancato in qualità ma ha cercato di sacrificarsi e la squadra così bassa non lo avvantaggia”.