Australian Open: avanti Sonego e Caruso, fuori gli altri azzurri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:31

Bel debutto agli Australian Open per il numero 32 del seeding e per il tennista siciliano. Tra gli uomini out Cecchinato e Seppi, fuori tra le donne Trevisan e Paolini.

sonego australian open
L’esultanza di Lorenzo Sonego – meteoweek.com (Photo by WILLIAM WEST/AFP via Getty Images)

Altri due italiani si sono qualificati per il secondo turno degli Australian Open. Dopo le due donne che hanno passato il primo taglio, ovvero Sara ErraniCamila Giorgi, oggi è stato il turno di Lorenzo SonegoSalvatore Caruso. Un buon esordio in questa nuova stagione per i due alfieri azzurri, i quali hanno vinto in maniera agevole contro i rispettivi avversari, ovvero lo statunitense Sam Querrey e lo svizzero Henri Laaksonen. Escono di scena gli altri azzurri impegnati, ovvero Marco CecchinatoAndreas Seppi tra gli uomini e Jasmine PaoliniMartina Trevisan tra le donne.

Buona la prima agli Australian Open, dunque, per Sonego. Il tennista torinese ha bagnato alla grande l’esordio come testa di serie in un evento del Grand Slam con una prova solida e di carattere contro un osso duro come Querrey. La partita è durata poco più di due ore, con l’americano che ha dato del filo da torcere all’azzurro soprattutto nel primo set. All’undicesimo game è arrivata la svolta, con Sonego che ha ottenuto il break e ha chiuso sul 7-5. Nel secondo e nel terzo set il numero 35 del mondo ha tenuto la barra dritta e non ha concesso chances di rientro al suo avversario. E così, con un duplice 6-4 è arrivato l’accesso al secondo turno, in cui Sonego affronterà lo spagnolo Feliciano Lopez.

Ancor più agevole, se vogliamo, è stata la partita che ha opposto il nostro “Sabbo” Caruso allo svizzero Laaksonen. Il tennista di Avola (nel Siracusano) ha avuto fin da subito il controllo delle operazioni, forte di un tennis molto solido da fondocampo. E così, in meno di mezz’ora è arrivato il 6-2 con cui si è concluso il primo set. Caruso ha continuato nella sua azione anche nel secondo set, mentre l’elvetico cercava di crescere in maniera graduale e progressiva. Il parziale si è concluso con il punteggio di 6-4 in favore del siciliano, che ha messo le cose in chiare in avvio di terzo set, con il break iniziale e la chiusura per 6-3 in un’ora e 48 minuti. Al secondo turno, Caruso affronterà il vincente di Fognini-Herbert.

Leggi anche -> Australian Open: Sinner è stoico, ma vince Shapovalov

Australian Open, escono quattro azzurri

Sorte avversa, invece, per gli altri quattro giocatori italiani impegnati nella seconda notte dedicata al Main Draw degli Australian Open 2021. In primis i due uomini, ovvero Marco Cecchinato e Andreas Seppi. Il palermitano aveva un po’ illuso vincendo il primo set contro l’americano Mackenzie McDonald con il punteggio di 6-3. Poi lo statunitense è uscito alla distanza, vincendo il secondo set per 6-3 e sorpassando con il 6-2 con cui ha chiuso agevolmente il terzo parziale. Un po’ di scoramento è venuto fuori in Ceckche ha concesso un altro 6-2 perdendo così la partita. Piuttosto rapida anche la battaglia tra Seppi e l’uruguaiano Pablo Cuevas. Il numero 72 delle classifiche mondiali ha vinto il primo set per 6-4, ma Andreas ha recuperato con lo stesso punteggio nel secondo parziale. Tuttavia, la maggiore abitudine a questi campi in avvio di 2021 si è fatta sentire negli altri due parziali, vinti entrambi per 6-2 dal sudamericano.

Leggi anche -> Australian Open: passano Giorgi ed Errani, fuori gli uomini

Poco o nulla da fare per le due donne italiane impegnate nella notte agli Australian Open. In primis Jasmine Paolini, poco fortunata con il sorteggio che l’ha opposta a Karolina Pliskova. La statuaria tennista ceca, numero 6 delle classifiche mondiali, ha impiegato 51 minuti per avere la meglio sulla giocatrice toscana, la quale ci ha messo tutto l’impegno possibile ma non aveva i mezzi per tenere testa alla sua avversaria. Ne è venuto fuori un match senza storia, chiuso dalla Pliskova per 6-0 6-2. Qualche rimpianto in più ce l’ha Martina Trevisan. La russa Ekaterina Alexandrova era un avversario non insuperabile, ma le occasioni sprecate e poi concesse in entrambi i set hanno decretato la sconfitta. La numero 32 del mondo passa il turno vincendo per 6-3 6-4 in un’ora e 23 minuti.